Oggi alla Camera l’accordo Italia-San Marino contro la criminalità
PDF Stampa
Lunedì 15 Settembre 2014

 

Inizia oggi alla Camera la discussione generale su importanti progetti di legge di ratifica di trattati internazionali, tra cui l'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Congresso di Stato della Repubblica di San Marino sulla cooperazione per la prevenzione e la repressione della criminalità, di cui è relatore il deputato PD riminese Tiziano Arlotti.

"Sono particolarmente lieto di illustrare in aula l'Accordo sulla cooperazione per la prevenzione e la repressione della criminalità, che concorre a consolidare ulteriormente i nostri rapporti con la Repubblica di San Marino dopo la ratifica dell'Accordo contro le doppie imposizioni e per prevenire le frodi fiscali che ha consentito alla Repubblica del Titano di uscire dalla black list dopo quindici anni - afferma Arlotti anticipando alcuni passaggi della sua relazione -. Si tratta di un risultato importante che ci permette di voltare pagina e di riconfermare e ravvivare gli antichi rapporti di amicizia e di buon vicinato con il Titano, suggellati anche dalla visita del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel giugno scorso".

Il contrasto alla criminalità organizzata verrà rafforzato, spiega il deputato. "L'accordo sancisce l'impegno dei due Paesi a rafforzare la collaborazione e la reciproca assistenza al fine di potenziare l'attività di contrasto alla criminalità organizzata internazionale, la lotta al terrorismo internazionale, al traffico di migranti, al riciclaggio di denaro e al traffico illecito di stupefacenti. L'approvazione del provvedimento consentirà una rapida entrata in funzione di un'intesa già ratificata dalla controparte sammarinese, che interviene in un settore delicato ed essenziale della collaborazione bilaterale quale quello della cooperazione operativa tra gli organi di polizia dei due Paesi".

"Credo che con l'approvazione e ratifica di questi ulteriori accordi - conclude il deputato - abbiamo festeggiato i 75 anni dalla stipula dell'Accordo di amicizia e buon vicinato nel migliore dei modi. Si apre una nuova stagione di relazioni e di rapporti fra due Paesi, si rinnovano i sentimenti di amicizia e di cooperazione con reciproca soddisfazione e si guarda insieme al futuro con maggiore speranza".