San Marino, arriva Zanonato. La gaffe della Segreteria Industria
PDF Stampa
Martedì 11 Febbraio 2014

SAN MARINO - Oggi a San Marino il Segretario di Stato all’Industria Marco Arzilli incontra il Ministro Zanonato. Una visita decisa all’ultimo minuto la settimana scorsa, su cui si è cercato (vanamente per la verità) di tenere il massimo riserbo fino all’ultimo - anche in virtù del rischio che tutto saltasse in extremis.

Proprio ieri però una gaffe della Segreteria Industria ha animato un altrimenti sonnacchioso pomeriggio nelle redazioni, in quanto per errore è stato inviato ai media il comunicato stampa concertato con il Ministero italiano che sarebbe dovuto essere divulgato soltanto oggi.

Ora, dobbiamo dire che preparare le note, specialmente quelle da concordare, con un giorno d’anticipo, è una prassi abbastanza comune, e l’invio dell’email in anticipo è una piccola gaffe a cui tutti dovremmo fare attenzione.

Pronta è giunta la richiesta di cestinare il tutto, che qualcuno ha accolto di buon grado mentre invece altri, a partire da chi a prescindere si “diverte” a bersagliare quanto più può la Segreteria di Arzilli, l’hanno pubblicato in rete praticamente in tempo reale. A condividerlo, poi, anche su Facebook, ci hanno pensato anche esponenti politici dei partiti di opposizione.

Per correttezza Fixing pubblicherà il comunicato stampa a tempo debito. Qui invece in corsivo la nota inviata dalla Segreteria Industria ieri subito dopo la gaffe.

A seguito dell'erroneo invio della bozza di comunicato stampa relativa alla visita di domani a San Marino del Ministro Zanonato, si precisa che, come avviene in casi analoghi, questa Segreteria di Stato, d'intesa con la delegazione ministeriale, aveva predisposto una bozza di comunicato congiunto sulla base di argomenti di discussione già definiti e certi, passibile, ovviamente, di integrazioni e modifiche sulla base degli effettivi colloqui di domani.

Si tratta, naturalmente, di una prassi comune e confermata da numerosi precedenti, che non deve stupire ma che rientra nelle normali funzioni di ufficio.

Alla luce di queste precisazioni, lasciamo dunque a voi la valutazione circa l'opportunità di divulgare o meno fin da ora un documento provvisorio e, ripetiamo, né vincolante, né anticipatorio e tantomeno esauriente delle numerose tematiche oggetto della visita.

Chiusura di rito con i ringraziamenti per la collaborazione… di chi ha collaborato.