Carceri, il pm di Milano Alberto Nobili ai microfoni di Radio 24: “Il virus non c’entra”
PDF Stampa
Martedì 10 Marzo 2020

"Siamo saliti sul tetto di San Vittore, per ascoltare le ragioni dei detenuti, anche perché la storia del coronavirus non ci convinceva. E infatti non c'entrava assolutamente nulla". Così il procuratore aggiunto di Milano, Alberto Nobili, intervistato da Raffaella Calandra per Radio 24. Lui e il pm Gaetano Ruta hanno incontrato una delegazione dei detenuti, che protestavano sul tetto del carcere milanese. Alle 12.30 incontreranno rappresentanti di ogni raggio del penitenziario. "Hanno colto l'occasione di questo momento particolare, per rivendicare trattamenti carcerari migliori, a partire da una diminuzione delle presenze nelle carceri: a San Vittore, sono attualmente 1.200 detenuti, dovrebbero essercene 700. Noi siamo andati solo come ascoltatori, non abbiamo fatto promesse, abbiamo garantito solo che avremmo fatto presenti le loro istanze agli organi competenti".

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online