Boccia (Confindustria) a Radio 24: “Coronavirus, non bastano 3,6 mld, operazione choc”
PDF Stampa
Martedì 03 Marzo 2020

"Non bastano i 3,6 miliardi di sforamento, né basta una operazione sicuramente positiva di flessibilità, serve un'operazione straordinaria e choc nel mondo dell'economia". Così il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24, sulle misure necessarie per fronteggiare l'impatto economico del coronavirus.

 

"CORONAVIRUS, ATTIVARE DOMANDA PUBBLICA SU INFRASTRUTTURE E FRONTE CREDITO"


"Occorre attivare una domanda pubblica sulle infrastrutture italiane e europee che vada a compensare il calo della domanda privata, visto che i consumi arretreranno", e insieme "aprire un fronte sul credito per aiutare nel periodo di transizione le imprese che avranno cali di fatturato. Sono queste le priorità da affrontare, di fronte all'emergenza coronavirus". Lo ha detto il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24.

 

"CORONAVIRUS, SERVE CONVERGENZA NAZIONALE"

 

"Occorre convergenza nazionale in questa fase delicata: bisogna recuperare il senso e lo spirito di comunità che abbiamo perso da tempo". Lo afferma il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24.

 

"CORONAVIRUS, DA UE CI ASPETTIAMO GRANDE PIANO STRAORDINARIO"

 

"Dall'Europa ci aspettiamo un grande piano straordinario che prenda consapevolezza della dimensione quantitativa e temporale del problema coronavirus". Lo ha detto il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24.

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online