Tria a Radio 24: “L’aumento delle clausole IVA richiederà sforzi molto più grandi al governo”
PDF Stampa
Venerdì 21 Dicembre 2018

"Per gli anni 2020 e 2021 era già previsto un forte aumento dell'Iva. Certamente adesso le clausole di salvaguardia sono state aumentate e significa che si dovrà fare uno sforzo molto maggiore rispetto a quello che si è fatto di quest'anno. Poi si vedrà, ma oggi era necessario cercare di rientrare con i conti per evitare una procedura di infrazione". Lo ha detto il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, intervistato da Maria Latella e Oscar Giannino a 24 Mattino, su Radio 24.

 

"LA SITUAZIONE FRANCESE HA IRRIGIDITO LA POSIZIONE DELLA COMMISSIONE UE VERSO L'ITALIA, NON IL CONTRARIO"


"I problemi che si sono creati in Francia hanno reso la commissione più rigida verso l'Italia, la parte più rigorista si era preoccupata che essendo meno rigida con l'Italia poi ci sarebbero state altre richieste da parte di altri Stati." Lo ha detto il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, intervistato da Maria Latella e Oscar Giannino a 24 Mattino, su Radio 24.

 

"PRELIEVO SU PENSIONI D'ORO MISURA TEMPORANEA: SI CHIEDONO UN PO' DI SACRIFICI MA NON MOLTI"

 

"Parliamo di pensioni non basse, non d'oro, ma innanzitutto si tratta di un provvedimento temporaneo, anche perché se non lo fosse sarebbe incostituzionale. Si chiedono un po' di sacrifici ma non molti. Quando si fa una redistribuzione del reddito, siccome non si creano soldi dal nulla, bisogna fare una scelta politica". Lo ha detto il ministro dell'Economia Giovanni Tria a 24Mattino su Radio 24, rispondendo ad una domanda sul prelievo alle pensioni più alte, utilizzato per permettere ad altri lavoratori di andare in pensione con quota 100.

 

"FINO A GENNAIO NON VEDO COSA POSSA ANDARE STORTO. SCONTATO CHE LA PROPOSTA ITALIANA DI BILANCIO SARÀ APPROVATA"

 

"Siamo a fine dicembre, fino a gennaio non vedo cosa possa andare storto". Lo dice il ministro dell'Economia Giovanni Tria a 24Mattino con Maria Latella e Oscar Giannino su Radio 24. Rispondendo a una domanda sulle parole del commissario europeo per la stabilità finanziaria Valdis Dombrovskis, che aveva dichiarato: "Se le cose non dovessero andare per il verso giusto siamo pronti a riaprire il dossier Italia a gennaio", Tria ha spiegato a Radio 24: "E' soltanto un'osservazione dovuta al fatto che ovviamente noi abbiamo detto quello che avremmo fatto. La manovra di bilancio deve essere approvata in Parlamento, è tutto qui. È chiaro che il commissario Dombrovskis, evidentemente, ha voluto sottolineare che si aspetta che la proposta italiana di bilancio sia approvata in Parlamento. Ma questo ovviamente è scontato."

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online