Nedved (Juventus) a Radio 24: “Scudetto difficile, le motivazioni erano tutte sulla Champions”
PDF Stampa
Lunedì 14 Maggio 2018

"I protagonisti sono i giocatori insieme ad Allegri che sfruttano al meglio il lavoro della società. E' stato difficilissimo quest'anno, le motivazioni dei giocatori erano soprattutto in Champions League e si è visto. Poi in campionato dopo tanti anni che vinci è sempre dura ma le polemiche degli altri ci hanno dato carica. Anche per noi della società è stato difficile suonare la carica per il campionato. Critiche al gioco? Bisogna accettare quello che chiedono i tifosi ma noi stiamo lavorando per ottenere sempre nuovi risultati. Questa Juve è nella leggenda, è una cosa disumana vincere sette scudetti di fila. Non sapete quanta fatica che c'è dietro". Lo dice Pavel Nedved, vicepresidente Juventus, oggi (14 maggio 2018) a Tutti convocati condotta da Carlo Genta e Pierluigi Pardo su Radio 24.

 

"NAPOLI BRAVO MA CI HA DATO SPINTA IN PIÙ, QUELLA PER DIMOSTRARE CHE SIAMO SEMPRE I PIÙ FORTI"

 

"Il Napoli è stato bravo ma ci ha dato uno stimolo in più. Ho percepito ad inizio anno che anche nei tifosi non c'era la giusta carica per il campionato, però la volontà di dimostrare di essere più forte degli altri ci ha dato la spinta per vincere ancora. I complimenti però vanno anche alla Juventus che ha lottato fino alla fine anche in Europa. Noi abbiamo sempre bisogno di nuove sfide e quando arrivano polemiche dall'esterno ci aiuta. Soprattutto quest'anno le critiche ci hanno dato qualcosa in più". Lo afferma Pavel Nedved, vicepresidente Juventus, oggi (14 maggio 2018) nella trasmissione Tutti convocati condotta da Carlo Genta e Pierluigi Pardo su Radio 24.

 

"IN CHAMPIONS CI MANCA UN PASSETTINO, NOI SIAMO ANIMALI CHE VOGLIAMO VINCERE TUTTO"

 

"La Juve è stata brava in tutti questi anni in Europa perchè arrivare due volte in finale non è facile e ha dimostrato di essere lì con tutti i più forti. Ci manca il passettino di alzarla. Deve capitare un'annata fortunata, dove girare tutto bene. Bisogna accettare che il Real Madrid ha meritato di passare il turno. Rinunciare al campionato per la Champions? Noi siamo degli animali vogliamo vincere tutte le partite, anche se non è possibile. Proveremo a vincerle tutte e poi se gli altri sono più bravi faremo i complimenti, però siamo li per quello e non dobbiamo mollare niente come magari è successo quest'anno al Napoli che si è concentrato troppo sul campionato. Noi no, noi vogliamo anche la Coppa Italia che come avete visto non abbiamo snobbato. Dobbiamo giocare tutte le partite al massimo e accettare se gli altri saranno più bravi ". Queste sono le dichiarazioni di Pavel Nedved, vicepresidente Juventus, che ha rilasciato oggi (14 maggio 2018) nella trasmissione Tutti convocati condotta da Carlo Genta e Pierluigi Pardo su Radio 24.

 

"SENZA BUFFON NON SARÀ FACILE, È UNA LEGGENDA DEL CALCIO MONDIALE. SE SMETTE"

 

"Senza Gigi è difficile ovviamente. Siamo arrivati insieme nel 2001. E' una leggenda nel calcio mondiale. Se dovesse decidere di mollare sarebbe una grande perdita per tutto il calcio" . Lo dice Pavel Nedved, vicepresidente Juventus, oggi (14 maggio 2018) nella trasmissione Tutti convocati condotta da Carlo Genta e Pierluigi Pardo su Radio 24.

 

"MANCINI CT? E' UN VINCENTE, QUELLO DI CUI AVETE BISOGNO"

 

"Mancini lo conosco molto bene, ha un carattere molto difficile ma anche molto vincente, lui vorrà sicuramente vincere creando un gruppo vincente. E' quello di cui avevate bisogno" . Lo dichiara Pavel Nedved, vicepresidente Juventus, a Tutti convocati condotta da Carlo Genta e Pierluigi Pardo su Radio 24.

 

"SE ALLEGRI RESTA? CONFERMO CHE DOBBIAMO GODERCI QUESTI GIORNI E FESTEGGIARE"


"Resta? Per ora dico che dobbiamo goderci questi giorni perchè è stata una cosa pazzesca vincere sette scudetti consecutivi. Oggi mi sento felice, spero di rimanere nel ruolo di vice presidente." Questo è il desiderio di Pavel Nedved, vicepresidente Juventus, che ha rilasciato oggi (14 maggio 2018) nella trasmissione Tutti convocati condotta da Carlo Genta e Pierluigi Pardo su Radio 24.

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online