Diego Della Valle: “Gli imprenditori pensino anche alla solidarietà”
PDF Stampa
Venerdì 10 Aprile 2015

 

Un incitamento agli imprenditori perché si impegnino nel sociale. Questo il cuore del toccante ed umile discorso che il patron di Tod's e Hogan, Diego Della Valle, ieri sera, in occasione del Positive Economy Forum 2015, ha rivolto a San Patrignano ai 1300 ragazzi della comunità. Prima di prendere parte alla cena assieme a loro nella grande sala da pranzo, gli ha ricordato di non perdere mai di vista i veri valori: «Era un po' che volevo tornare a San Patrignano, un luogo che riempie il cuore. Ero venuto qua negli anni passati per capire che cosa possono fare gli imprenditori come me per gli altri».

Quindi il pungolo ai suoi colleghi: «I grandi imprenditori devono essere considerati grandi persone non tanto se hanno successo con le loro aziende, ma se riescono anche a fare del bene per gli altri. Questa non vuole essere una critica, ma uno stimolo. A volte siamo troppo concentrati sul lavoro per riuscire a pensare agli altri, quando invece la cosa più importante è il rapporto con la gente. Spero sia una cosa sempre più naturale per i giovani imprenditori. Purtroppo a volte quando si raggiunge un certo benessere ci si allontana dalla vita quotidiana. Invece dobbiamo ricordarci che è questo il momento in cui possiamo fare di più per gli altri. E' incredibile che le persone più solidali sono quelle che hanno minore possibilità economica per aiutare gli altri. Le aziende devono riuscire a sostenere chi è intorno a loro, iniziando dai propri dipendenti, arrivando al territorio».

Un esempio è senza dubbio il suo progetto "Noi italiani": «Non si tratta di un nuovo partito come molti hanno detto, ma di un nuovo progetto di solidarietà. Noi abbiamo cercato di migliorare il rapporto con i nostri dipendenti e il territorio, in aiuto di giovani, anziani, disoccupati. Abbiamo scelto di dedicare a questo progetto ogni anno l'1% degli utili netti del gruppo che per un'azienda che va bene non è nulla e mi auguro che sempre più aziende lo possano fare. Mi piace immaginare che ogni impresa possa aprire un compasso dalla sua struttura per poter aiutare la porzione di territorio a lei vicina. In questo modo si potrebbe dare una grande mano al Paese nel campo della solidarietà e del rispetto. Sono convinto che presto la gente inizierà a guardare con occhio diverso e a premiare tutte quelle aziende che dimostreranno una particolare attenzione al prossimo. Dobbiamo tornare ai valori seri e a dare importanza a quanto ci diceva nostra madre prima di uscire di casa: "Fai il bravo e comportati bene"».

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online