Editoriale: San Marino, adesso è il momento della politica del “fare”
PDF Stampa
Martedì 18 Giugno 2019

 

di Alessandro Carli

 

Il Paese è fermo e quindi deve rimettersi in moto, "senza se e senza ma". Nella sua relazione il Presidente dell'Associazione Nazionale Industria San Marino Neni Rossini ha detto chiaramente che adesso è il momento della politica del "fare".

Vanno trovate con la più ampia condivisione le soluzioni, non facili anche per l'impatto che purtroppo avranno, ai problemi di sistema che il Monte da troppi anni ormai ha continuamente rimandato.

"Risposte adeguate alle esigenze della Repubblica" ha chiesto il Presidente ANIS Neni Rossini, forte del peso specifico che riveste l'industria (più o meno il 31% del Prodotto Interno Lordo di San Marino), quindi una serie di riforme assolutamente necessarie (ma che al momento sono ancora al palo) per recuperare il terreno perduto in termini di modernità e competitività, e sostenere lo sviluppo economico stagnante compiendo tutti gli sforzi necessari per recuperare credibilità sia internamente che verso l'esterno.

Le imprese chiedono a gran voce la fatturazione elettronica e il passaggio dall'imposta monofase a un sistema IVA: due obiettivi strategici che vanno raggiunti nel più breve tempo possibile.

Il rilancio deve ripartire anche dalla stabilità del sistema bancario e finanziario, che deve essere messo nelle condizioni di poter essere da supporto al sistema economico.

Senza una visione di sistema per costruire un progetto strategico però è davvero complicato ripartire.

Le imprese stanno facendo la loro parte, non senza difficoltà, come ha rimarcato più volte il Presidente Neni Rossini. Per uscire da questa fase critica serve l'impegno e la volontà di tutte le parti. L'economia reale è disposta a impegnarsi. La politica invece?