Editoriale: San Marino, caos targhe. Chiamiamo il Presidente Mattarella?
PDF Stampa
Martedì 16 Aprile 2019

 

di Alessandro Carli

 

La questione targhe ha toccato in maniera capillare le associazioni di categoria ma anche la politica e le istituzioni. Dai Capitani Reggenti (la normativa italiana è "fortemente impattante sull'economia e sui cittadini sammarinesi") al PS e al Comites San Marino passando per l'ANIS, il coro che si leva è compatto e unanime.

Il problema, va detto, deve essere risolto quanto prima facendo leva sugli accordi che sono stati stipulati negli anni tra il Titano e l'Italia, ricordando che il Monte è uno Stato enclave e che tra i due Paesi c'è simbiosi. Non si chiede nulla di più o nulla di meno di essere trattati come i Paesi dell'UE e dello SEE, anche in virtù del percorso di Associazione con l'Europa avviato da San Marino e che inizia ad entrare, sembra, nella fase clou. Per la Repubblica il mercato di riferimento è quello italiano, in Italia le imprese operano, i giovani studiano. Viceversa, il Titano dà lavoro a quasi 6 mila frontalieri.

Bisogna forse rivolgersi agli organismi internazionali oppure gli Eccellentissimi Capitani Reggenti devono chiedere direttamente un intervento al Presidente Sergio Mattarella?

Il persistere della situazione – iniziata a settembre – è un ulteriore elemento che si aggiunge alle difficoltà del Paese. Almeno risolvere il problema targhe...

Questo rapporto idilliaco tra la Segreteria Esteri e la Farnesina sembra quasi essere più di "cortesia" che davvero diplomatico.

Visti quindi gli accordi storici e consolidati con l'Italia, l'ubicazione geografica del Titano e il percorso verso l'UE, il persistere di questo problema non è più giustificabile né tollerabile.