Editoriale: FMI, lezioni da svolgere a casa
PDF Stampa
Venerdì 26 Gennaio 2018

 

di Alessandro Carli

 

Cosa rimane sul bloc notes dopo la visita ordinaria nella Repubblica di San Marino da parte della delegazione del Fondo Monetario Internazionale? Non ci riferiamo alle parole dette dalla dottoressa Kazuko Shirono e dai rappresentanti del Governo presenti all'incontro con la stampa, ma piuttosto quelle che rimangono nella mente a livello di "sensazioni" e che "ci si porta in redazione".

Proviamo a metterle in fila. Il Fondo Monetario Internazionale ci ha fatto capire che è essenziale fare "i compiti a casa": l'Organizzazione che ha sede a Washington ha fornito al Monte Titano – per l'ennesima volta - "i titoli" dei temi da sviluppare: si tratta delle tre grandi riforme, quella del sistema bancario e finanziario, quella del sistema previdenziale e quella delle imposte indirette - quindi il passaggio dalla monofase all'IVA. Sono tre "macro-cantieri" molto importanti, sui quali si gioca una buona parte del futuro e del rilancio della Repubblica. Ovviamente per quel che riguarda le grandi riforme, il Fondo Monetario Internazionale ha una certa esperienza su come attuarle. Sarebbe quindi opportuno valorizzare e fare tesoro dei suggerimenti e dell'aiuto, in particolare sotto il profilo tecnico e professionale – servono interventi calibrati sulle caratteristiche specifiche di San Marino - che il Fondo Monetario Internazionale ci può dare, per uscire il più in fretta possibile da questa situazione di straordinaria difficoltà che il Paese sta attraversando.