Editoriale: politica, servono coesione, tempi certi e modalità chiare
PDF Stampa
Martedì 10 Ottobre 2017

 

di Alessandro Carli

 

"Per portare fuori la Repubblica di San Marino dal momento difficile che sta vivendo occorre mettere al centro gli interessi generali del Paese". Apprendiamo e accogliamo con piacere le parole che il Governo ha pronunciato recentemente. Basta alle "battaglie di retroguardia".

Per raggiungere l'obiettivo dichiarato, è comunque necessario che Maggioranza e opposizione siano unite, anche perché sul "tavolo" i "cantieri aperti" sono molti, e tutti di estrema importanza: in primo piano, ovviamente, il problema più contingente, quello cioè che riguarda l'intero settore bancario.

Ma naturalmente non è l'unico.

Ruoli di assoluta importanza lo rivestono, tra gli altri, anche le pensioni e lo sviluppo.

Serve, e lo ripetiamo da tempo, una vera convergenza.

Occorre, ora più che mai, realmente "fare squadra", due parole che negli incontri che si sono svolti in quest'ultimo periodo tra le istituzioni e le parti sociali sono state più volte ripetute.

Vanno quindi messe in campo una serie di azioni significative che permettano di recuperare tutte quelle risorse necessarie (che oggi sono carenti e che rappresentano la vera linfa per lo sviluppo) per rilanciare il Paese.

Va data fiducia alle realtà imprenditoriali che già operano sul territorio e ma anche creare le condizioni per attrarne di nuove.

E vanno stabiliti, in un clima di coesione, tempi certi e modalità.

Solamente se si va nella stessa direzione si può definire il rilancio e quindi il futuro del Titano.