Delta: intesa per la vendita delle quote
PDF Stampa
Lunedì 03 Agosto 2009

Per chi guarda dietro le cose con un pizzico di malizia, la fine dell’incubo degli arresti domiciliari per i vertici Carisp e per gli altri indagati dell’Operazione Varano potrebbe essere vicino.

L’accordo per la vendita delle azioni sammarinesi di Delta è infatti arrivato ad una svolta, con l’intesa raggiunta da Sopaf (e prontamente sbandierata ai quattro venti…) e Cassa di Risparmio di San Marino finalizzata alla definizione di un nuovo assetto proprietario del gruppo, su cui si era scatenata una lotta sotterranea, venuta violentemente alla luce con l’inchiesta della Procura di Forlì.
La cessione di Delta è diventata una priorità per la Cassa di Risparmio per arrivare a chiudere un contenzioso doloroso come una ferita. E per Giovanni Galassi, Presidente della Fondazione San Marino Cassa di Risparmio – SUMS, questo accordo al vaglio delle autorità di vigilanza “equivale ad una grande vittoria per la Cassa”. Un accordo che va ad annullare ben cinque cause con Sopav in piedi in diversi tribunali. La trattativa, ha spiegato Galassi, riguarda quattro istituti bancari: uno italiano, gli altri inglese, spagnolo e tedesco. E mentre la notizia dell’accordo ha messo le ali al titolo Sopaf, la conclusione della vicenda pare ormai imminente.

FIXING N.30 – venerdì 31 luglio 2009