Autovetture elettriche o ibride: boom di immatricolazioni
PDF Stampa
Mercoledì 04 Novembre 2020

auto elettriche

 

di Alessandro Carli

 

Maggiore autonomia – sul mercato sono in vendita alcuni modelli di citycar che permettono di coprire più di 400 km con una ricarica – e una "corsa" alle linee che strizzano l'occhio a tutte le tipologie di clienti, dai più giovani ai più esperti. Secondo un report di Transport & Environment, le auto elettriche "raggiungeranno una quota di mercato pari al 10% nel 2020 ed al 15% nel 2021".

Continua anche nella Repubblica di San Marino la crescita delle automobili elettriche o ibride: la conferma arriva dall'UPECEDS, l'Ufficio Informatica, Tecnologia, Dati e Statistica. In attesa dei dati del terzo trimestre del 2020, vediamo i "numeri" di metà anno. Al 30 giugno 2020 le vetture "green" immatricolate erano 101, quasi come a fine 2017 (113). Eccezion fatta per i "mesi Covid" (aprile e maggio), negli altri le vendite sono state costanti: 22 a gennaio, 26 a febbraio, 20 a marzo e 30 a giugno. Per farsi un'idea, a giugno 2019 erano state "solamente" 14.

 

GLI ALTRI COMBUSTIBILI


Il gasolio è ancora il combustibile preferito dai sammarinesi: da gennaio a giugno è stato scelto da 382 clienti. Al secondo posto la benzina con 235 immatricolazioni.

Numeri invece molto contenuti per il benzina + altro combustibile (15), Metano (14) e GPL (6).

 

CALANO I VEICOLI

 

Al 30 giugno 2020 il totale dei veicoli registrati in Repubblica è di 52.706 (-234 veicoli in meno nell'ultimo anno) e le immatricolazioni di veicoli, 1.053 nei primi sei mesi del 2020, hanno registrato una diminuzione di 614 unità (-37%) rispetto al primo semestre 2019. Le automobili immatricolate da gennaio a giugno 2020 sono state 753, 465 in meno rispetto allo stesso periodo del 2019; le registrazioni di auto usate sono diminuite del 41% e quelle di auto nuove del 34%. Nel primo semestre 2020 le immatricolazioni di mezzi di lavoro sono state 96, in diminuzione, rispetto alle 163 dello stesso periodo 2019, come pure quelle dei veicoli a due ruote, pari a 204 (-82 rispetto al primo semestre 2019). I saldi negativi delle immatricolazioni del primo trimestre rispetto al 2019, sono ulteriormente peggiorati durante il periodo di lockdown ed il saldo positivo di giugno 2020 rispetto a giugno 2019 non è stato sufficiente a compensarli.