Buoni segnali di crescita dal mondo delle imprese sammarinesi
PDF Stampa
Mercoledì 15 Gennaio 2020

UPECEDS

 

di Alessandro Carli

 

Il tessuto imprenditoriale sammarinese mostra segnali di tenuta, anzi, di piccoli ma significativi miglioramenti. In attesa dei dati consuntivi di fine 2019, l'Ufficio di Statistica ha pubblicato alla fine di dicembre la "fotografia" economica del Titano, zoomando l'attenzione sul mondo del lavoro, quindi sul numero di imprese e sull'occupazione.

 

FORZA LAVORO

 

Tra i dati che spiccano nel bollettino UPECEDS c'è quello del numero dei dipendenti: in 12 mesi (nov. 2018 – nov. 2019) questa voce ha fatto registrare un +643 (da 19.494 a 20.137). In calo gli indipendenti (da 1.742 a 1.707) e i disoccupati in senso stretto (da 1.105 a 1.019). Tornando ai dipendenti, all'ultimo rilevamento (30/11/2019) quelli che lavorano nel settore privato sono 16.345 sugli oltre 20 mila totali. Erano invece 15.739 a novembre 2018.

 

SETTORE PRIVATO

 

In dodici mesi (novembre 2018 – novembre 2019) il numero di imprese che operano sul Titano è passato da 5.001 a 5.026 (su ottobre 2019 l'incremento invece è stato di due unità). Se le attività manifatturiere hanno fatto registrare una lieve flessione (da 530 a 525; se si prende invece il mese di ottobre 2019 il numero è rimasto invariato) ma, come vedremo in seguito, ha aumentato sensibilmente il numero di dipendenti, i settori che hanno "trainato" la crescita ci sono il "Commercio all'ingrosso e al dettaglio – riparazione di autoveicoli e motocicli" (+10), i "Servizi di Informazione e Comunicazione" (+11), il "Noleggio, Agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese" (+18). Stabili le "Costruzioni" (sempre 390 imprese), così come le "Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione" (197).

La maggior parte delle imprese sul territorio ha piccole dimensioni, infatti il 94% del totale ha meno di 10 addetti e il 51,5% ha un numero di dipendenti pari a 0.

 

I DIPENDENTI PRIVATI

 

A una lieve flessione del numero delle imprese manifatturiere (530 – 525) ha fatto da contraltare quello dei lavoratori dipendenti. In un anno (da nov. 2018 a nov. 2019) difatti è cresciuto di 290 unità (da 6.237 a 6.527). Segnali positivi anche dal mondo del "Commercio all'ingrosso e al dettaglio – riparazione di autoveicoli e motocicli" (+69) e dal "Noleggio, Agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese" (+68), così come dalle "Costruzioni" dove i 908 lavoratori sono diventati 943 (+35) e dalle "Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione" (+26). Caso particolare quello delle Attività Finanziarie e assicurative che a fronte di un segno positivo come numero di imprese (69 – 75) ha visto un dimensionamento dei dipendenti (da 720 a 679, -41 in dodici mesi).

 

FRONTALIERI

 

Le imprese della Repubblica continuano a rivolgersi ai lavoratori frontalieri. Il loro numero, al 30 novembre 2019, era di 6.342 unità, +2 su ottobre 2019 e soprattutto +439 su novembre 2018. Andando ad analizzare le qualifiche, a trovare lavoro sono soprattutto gli impiegati specializzati e tecnici (1.302, a nov. 2018 erano 1.228), gli operai specializzati e tecnici (da 1.214 a 1.227) e gli operai qualificati (da 1.180 a 1.213).

 

TURISMO

 

Sono in linea con i dati di novembre 2018 gli afflussi turistici dell'undicesimo mese del 2019: 71.550 era il totale dei visitatori di un anno fa, 71.595 quelli di novembre 2019.