Il Galli, un teatro che va oltre la memoria storica: è uscito il volume con il DVD
PDF Stampa
Giovedì 20 Giugno 2019

 

Le due vite del Teatro Galli di Rimini, le sue origini ottocentesche e la sua rinascita, le scelte progettuali e architettoniche, la programmazione che fu e quella che sarà, sono condensate nel libro "Il teatro oltre la memoria", volume curato da Annarosa e Giulia Vannoni. Edito da Apm e realizzato in collaborazione con Cmb, ditta che ha seguito l'appalto per la ricostruzione, il libro (corredato di un DVD) ripercorre la storia del Teatro di Rimini dalla sua inaugurazione fino alla recente riapertura avvenuta il 28 ottobre 2017. La preziosa pubblicazione si apre con un saggio di Rosita Copioli incentrato sulla rete delle famiglie riminesi che volevano un teatro appositamente concepito per l'opera lirica, mentre Piero Meldini ricostruisce le dispute e le polemiche legate alla scelta di un luogo idoneo alla nuova edificazione. Nella seconda parte invece viene delineato da Attilio Giovagnoli il profilo biografico e artistico del modenese Luigi Poletti, archistar del suo tempo, chiamato a progettare il nuovo teatro riminese.

Alla breve cronaca di quanto è accaduto nei settantacinque anni dopo il bombardamento, seguono le descrizioni degli interventi di ricostruzione. Il volume inoltre contiene la cronologia completa di tutti gli eventi musicali a partire dal 1857 al 1943 (che dà conto anche dei musicisti e delle maestranze locali coinvolti nelle produzioni operistiche), curata come detto da Annarosa e Giulia Vannoni, accompagnata da una serie di saggi che esaminano i cartelloni delle stagioni di opera, prosa e musica da camera, oltre ai numerosi eventi mondani (veglioni e serate danzanti) ospitati nel teatro.

L'ultima parte è dedicata all'Aroldo: l'opera andata in scena il 16 agosto 1857 che Giuseppe Verdi scrisse appositamente per Rimini.