La Repubblica di San Marino protagonista al Centenario dell’OIL
PDF Stampa
Giovedì 20 Giugno 2019

delegazione rsm ILO

 

di Daniele Bartolucci

 

San Marino protagonista alla 108esima sessione della "Conferenza internazionale del lavoro", quella del "centenario" dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro, in corso a Ginevra fino al 21 giugno. Come da tradizione e come è nell'impostazione dell'OIL, la Repubblica si è presentata con una delegazione "tripartita" composta da istituzioni e parti sociali assieme, quest'anno arricchite dalla presenza degli Eccellentissimi Capitani Reggenti, Nicola Selva e Michele Muratori.

 

IL CONTRIBUTO DI ASSOCIAZIONI E SINDACATI


L'Organizzazione Internazionale del Lavoro al fine di comprendere e rispondere efficacemente a questi cambiamenti e far avanzare l'obiettivo della giustizia sociale, ha dato impulso a una serie di iniziative dedicate al "futuro del lavoro" e organizzate in occasione del suo centenario (1919-2019). Anche la Repubblica di San Marino è stata chiamata a dare il suo contributo realizzando un corposo documento che ha coinvolto le associazioni sindacali e di categoria (ANIS, CSdL, CDLS, OSLA, UNAS, USOT e USC) oltre a una rappresentanza di Governo. Il gruppo di lavoro, creato nel 2016 e coordinato dall'avvocato Alessandro Bugli, ha consegnato il report che, partendo dall'analisi del contesto locale, arriva alle "risposte" richieste dalle "quattro conversazioni" lanciate nel 2015 dall'ex Direttore Generale ILO Guy Ryder: lavoro e società; organizzazione del lavoro e della produzione; lavoro dignitoso per tutti; governance del lavoro.

 

LE CELEBRAZIONI PER IL CENTENARIO


Proprio i Capitani Reggenti sono intervenuti nel tardo pomeriggio di martedì 11 giugno presso le Nazioni Unite a Ginevra, in occasione delle celebrazioni del Centenario dell'OIL, sottolineando l'intimo rapporto che lega il progresso economico e sociale della Repubblica di San Marino alla storia centenaria dell'Organizzazione e ha ribadito l'impegno di San Marino nella promozione del multilateralismo e del dialogo per affrontare le sfide che globalmente riguardano tutti i Paesi. Nel richiamare la recente adesione di San Marino alla Convenzione 183 dell'OIL, sulla protezione della maternità, sono state riportate le iniziative che la Repubblica negli ultimi anni ha messo in campo. Tra queste, la redazione del documento intitolato "San Marino: Imprese e Lavoro, alla sfida dei nuovi scenari macroeconomici" e le riforme volte ad intervenire nel mercato del lavoro, come l'istituzione dell'ufficio dedicato alle politiche attive del lavoro e del portale online per favorire l'incontro diretto tra domanda e offerta di lavoro. Non è mancato un passaggio anche alle categorie svantaggiate e ai rischi di isolamento sociale derivanti dalla mancanza del lavoro. Il lavoro, quando regolato dai diritti e doveri sanciti internazionalmente, ha detto la Reggenza, "significa giustizia sociale, inclusione e crescita personale".

Nella mattinata erano intervenuti in plenaria il Primo Ministro della Federazione Russa Dmitry Medvedev, la Cancelliera tedesca Angela Merkel, e il Presidente francese Emmanuel Macron. Prima dell'inizio dei lavori la Reggenza, assieme al Segretario di Stato Andrea Zafferani e allo staff della Missione Permanente a Ginevra e del Dipartimento Affari Esteri, ha avuto occasione di avere incontri informali con il Direttore Generale dell'OIL Guy Ryder, il Presidente di Malta George Vella - già Oratore Ufficiale nell'ambito di una recente Cerimonia di Insediamento dei Capitani Reggenti- e il Presidente cipriota Nicos Anastasiades.

I Capitani Reggenti hanno quindi partecipato ad una colazione di lavoro offerta dal Direttore Generale Ryder alla presenza delle succitate Autorità e di altri alti rappresentanti istituzionali, tra i quali il Primo Ministro lussemburghese e la dimissionaria Primo Ministro britannica, Theresa May. Mercoledì, quindi, sono proseguite le visite istituzionali della Reggenza e della delegazione al seguito. In mattinata i Capitani Reggenti hanno incontrato il Presidente del CIO Thomas Bach, il quale ha offerto alla delegazione che comprenderà anche i rappresentanti del CONS Gian Primo Giardi e Eros Bologna, una visita al quartier generale del Comitato seguita da una colazione di lavoro. Nel pomeriggio, sempre nel segno dello sport, la Reggenza ha visitato la sede della UEFA a Nyon.