San Marino, economia e istruzione: una sfida sinergica
PDF Stampa
Giovedì 21 Marzo 2019

Neni Rossini

 

di Alessandro Carli

 

La firma dell'accordo quadro sullo sviluppo della cultura d'impresa e dell'innovazione, della promozione delle start-up e dell'inserimento dei laureati nel mondo del lavoro siglato tra ANIS e UNIRSM nel 2016 – che prevede anche il mettere reciprocamente a disposizione le competenze e le esperienze dell'Università e delle imprese sammarinesi, con un'ottica di "cultura di impresa" e una visione globale – trova un altro momento "pubblico".

È in programma il 21 marzo (a partire dalle ore 14 nell'Aula Magna della sede del Corso di laurea in Design - Antico Monastero Santa Chiara Contrada Omerelli, 20 - San Marino) la seconda edizione dell'evento "Università e impresa: una sfida sinergica", una giornata che di fatto dà seguito alla collaborazione su progetti di ricerca e lo sviluppo di competenze specifiche su diverse tematiche, che spaziano dagli ambiti economici e aziendali a quelli di natura tecnica, scientifica, organizzativa e gestionale, attraverso l'avvio di programmi congiunti finalizzati allo sviluppo professionale e alla crescita occupazionale.

ANIS e i suoi imprenditori credono fermamente nella ricerca, nella formazione e nello scambio di esperienze. "La sinergia messa in campo può far crescere il nostro Paese, non solo dal punto di vista economico ma anche e soprattutto da quello culturale. Un dialogo più stretto tra imprese e università è un fattore indispensabile per favorire la diffusione delle conoscenze e dei risultati della ricerca a tutti i livelli, per favorire la crescita di San Marino e l'ampliamento delle future prospettive di lavoro, soprattutto per le nuove generazioni".

Sulla stessa linea il Rettore Corrado Petrocelli che più volte ha rimarcato l'importanza dell'inserimento degli studenti universitari nel mondo del lavoro attraverso stage e tirocini. Il ruolo dell'Ateneo quello "di dare tutti gli strumenti necessari ai laureati per svolgere adeguatamente e in maniera professionale il proprio lavoro".

L'incontro del 21 marzo è dedicato alle imprese per approfondire la conoscenza dell'Università e dei suoi ambiti di ricerca e innovazione, in previsione di future collaborazioni. Il programma prevede un primo momento seminariale durante il quale saranno illustrati alcuni progetti sviluppati in collaborazione con aziende ed enti, ed un secondo dedicato invece al placement, dove le aziende potranno incontrare e conoscere direttamente i laureati in design, ingegneria gestionale e ingegneria civile.

 

IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA


Come detto, la seconda edizione di "Università e impresa: una sfida sinergica" si aprirà alle 14 con i saluti del Rettore dell'Università Corrado Petrocelli, del Presidente ANIS Neni Rossini (nella foto) e del Segretario di Stato per l'Università Marco Podeschi. Alle 14.30 Silvia Gasparotto, responsabile stage e placement, modererà "L'Università incontra l'impresa". I focus in cartellone saranno dedicati a "Cultura del fare con le comunità locali" con Riccardo Varini che illustrerà la ricerca applicata internazionale con le aziende Vitra, Ruckstuhl, Neri, l'Ambasciata di Svizzera in Italia e San Marino, l'istituto di Industrial Design di Basilea.

Francesca Dezi invece si soffermerà sui "Nanosilicati: nuove frontiere per risolvere il problema della liquefazione sotto edifici esistenti", una ricerca internazionale in collaborazione con l'industria chimica Nouryon e il Comune di Rimini. Spazio poi a Massimo Bartolini e a "Open Digital Lab 4 you: il network Italo-Tedesco per la virtualizzazione di laboratori in ambito I4.0".

Alle 16.10 il microfono passerà a Giuseppe Padula e a "I Centri di competenza di Industria 4.0 a supporto della trasformazione digitale delle imprese" e a Karen Venturini che interverrà su i "Sostegni alle imprese per la realizzazione di progetti di R&S". Dopo il coffee break si riprenderà alle 17 con "Job placement": Leonardo Tagliente coordinerà la presentazione dei laureati dell'Università di San Marino alle imprese.

Gli interessati si possono iscrivere collegandosi direttamente a: www.unirsm.sm/registrazione-aziende.

Per ulteriori informazioni contattare Silvia Gasparotto ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ) o Karen Venturini ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ).