Gestione dei rifiuti: progetti, cantieri e spese per l’anno 2019
Stampa
Lunedì 04 Febbraio 2019

rifiuti centro raccolta san giovanni 009

 

di Alessandro Carli

 

Gestione dei rifiuti al centro dei lavori in Aula. Sul tema, già affrontato su Fixing nr. 2 del 18 gennaio 2019 ("San Marino resta ancora 'cliente' dell'Emilia Romagna"), sono stati presentati i progetti e i costi per l'anno in corso. Modifiche strutturali riguarderanno il Centro di Raccolta di San Giovanni con l'ampliamento dei locali tecnici, una nuova disposizione interna e la realizzazione di una pensilina dei piazzali 1 e 2 del Centro di Raccolta. Prevista inoltre la ristrutturazione e l'ampliamento del piazzale 3 del Centro di Raccolta che ospita, oltre alle aree di trasbordo dei rifiuti urbani indifferenziati, le aree di stoccaggio e lavorazione delle frazioni differenziate dei rifiuti e le biocelle dell'impianto di compostaggio e la realizzazione dei nuovi piazzali per la maturazione del compost (futuro piazzale 4 del Centro di Raccolta). I progetti relativi ai primi due punti sono autorizzati ed è stata completata la progettazione esecutiva. Saranno necessari invece 15-18 mesi di lavoro per realizzare gli interventi previsti sul piazzale 3 del centro dove conferiscono i mezzi che si occupano dei servizi di raccolta e dove è collocato l'impianto di compostaggio.

 

SECONDO CENTRO DI RACCOLTA


L'estensione della raccolta porta a porta nonché la necessità di assicurare sufficienti spazi operativi per lo stoccaggio e la lavorazione preliminare dei rifiuti necessaria alla loro valorizzazione, rendono necessario realizzare un secondo Centro di Raccolta, in aggiunta agli spazi oggi disponibili a San Giovanni. Il Centro, già previsto dal progetto di estensione della raccolta porta a porta su tutto il territorio della Repubblica, dovrà essere necessariamente ubicato a Serravalle. Il Centro dovrà in futuro rappresentare un punto strategico per la cittadinanza, in alternativa al Centro di Raccolta di San Giovanni, già oggi insufficiente. A regime, nel secondo centro saranno conferite le frazioni differenziate dei Castelli in cui sarà avviata, nel 2019, la raccolta domiciliare (Borgo Maggiore, Domagnano e Serravalle).

 

RACCOLTA PORTA A PORTA


San Marino ha concretizzato nel 2011 il suo orientamento ad adottare il sistema di raccolta dei rifiuti domiciliare porta a porta applicando tale sistema ad un nucleo ristretto di utenze nel Castello di Chiesanuova in via sperimentale. Il servizio è svolto direttamente da AASS, ed a due aree il cui servizio è affidato a due appaltatori: una comprende i Castelli di Chiesanuova, Fiorentino, Acquaviva, e la seconda comprende San Marino, Faetano, Montegiardino, coinvolgendo complessivamente il 35% della popolazione, 12.000 abitanti su circa 33.000.

 

BILANCIO IGIENE URBANA


L'Azienda Autonoma di Stato per i Servizi Pubblici per la gestione del Servizio Igiene Urbana ha previsto per l'esercizio 2019 oneri per 6.247.339 euro, proventi per 3.387.000 euro e perdite per 2.860.339 euro.

Il Servizio Igiene Urbana AASS gestisce anche i servizi igienici pubblici, presenti di conseguenza nel bilancio e onere operativo che la struttura AASS deve svolgere in termini gestionali e progettuali.

Nel dettaglio le spese del Servizio Igiene Urbana nel bilancio di previsione AASS anno 2019 sono le seguenti: 720.000 euro per le spese per raccolta rifiuti in territorio e spazzamento euro; 1.678.500 euro per le spese trasporto e smaltimento RSU; 115.000 euro per le spese per smaltimento rifiuti differenziati; 60.000 euro per i materiali e prestazioni per manutenzione e gestione impianti e fabbricati euro; 140 mila euro per i materiali e prestazioni per manutenzione e gestione automezzi; 290 mila euro per i materiali e prestazione per gestione servizio; 35 mila euro per le spese per spedizioni transfrontaliere dei rifiuti; 172 mila euro per le spese per gestione Servizi igienici Pubblici; 18 mila euro per gli affitti passivi; 1.250.000 euro per la gestione rifiuti differenziati e 839 mila euro per il personale.

Per quel che concerne le entrate del servizio per il 2019 ci sono 3 milioni e 40 mila euro di proventi da Tassa per Raccolta e Smaltimento di RSU; 160 mila euro di proventi dallo smaltimento del rifiuto speciale; 172 mila euro di proventi da gestione servizi igienici pubblici; 5 mila euro di proventi da interventi di sanificazione e 10 mila euro di ricavi vari.