“riMinin v e r n o”, il progetto di Mihai, Busignani e Zaghini approda sulla carta
PDF Stampa
Venerdì 18 Gennaio 2019

Rimininverno

 

di Alessandro Carli

 

La mostra fotografica "riMinin v e r n o" è diventata un libro. L'omonimo progetto documentaristico urbano nato dal desiderio di raccontare la città di Rimini, con i suoi abitanti. Progetto a sei mani (Dorin Mihai, Francesco Busignani e Davide Zaghini) si propone di raccontare la città con un unico strumento ottico, la Leica M, attraverso le visioni differenti di tre artisti e una sola lunghezza focale: la 50 mm.

Scatti rubati, luoghi che non siamo abituati a vedere di Rimini, frammenti di realtà, persone e personaggi, il tutto rigorosamente in bianco e nero.

"Immagini apparentemente mute, sublimate nella scelta cromatica del bianco e nero, che sembra restituire, non dopo aver ringraziato per il loro omaggio, le attenzioni che Dorin, Davide e Francesco hanno voluto prestare a Rimini - si legge nella prefazione -. Una Rimini 'a luci spente', che forse sono quelle più autentiche. Quelle più vere".

Il volume è stato presentato il 20 dicembre all'interno del Museo della città alla presenza dell'Assessore alle Arti di Rimini, Massimo Pulini ed è inserito nel cartellone di "Frontespizio. Piccola rassegna di libri nuovi".

"Questa rassegna - scrive l'Assessore Massimo Pulini - vuole accompagnare i lettori davanti alla porta di ingresso di nuovi testi. Anche queste presentazioni ci faranno incontrare il volto di un libro e insieme quello del suo autore. Presentare equivale anche a declinare al presente, al qui e ora, gli infiniti argomenti legati all'arte della scrittura. La presenza in sala dell'autore è dunque un'occasione per collocare il pubblico in una inedita postazione, aggiuntiva rispetto alla lettura del libro. Conoscere le premesse dalle quali quel testo nasce, gli intenti dai cui lo scrittore è partito per costruirne l'impalcatura, offre un importante arricchimento di senso".