Superstrada Rimini – San Marino: ok all’eliminazione dei semafori
PDF Stampa
Giovedì 17 Gennaio 2019

 

di Daniele Bartolucci

 

Riduzione dell'incidentalità, miglioramento del livello di servizio e delle condizioni di sicurezza attraverso la riqualificazione della Statale 72 Rimini - San Marino. Queste le conclusione dell'ultimo incontro tra la Direzione Generale Strade e Autostrade del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Segretario di Stato Territorio, Augusto Michelotti, la Regione Emilia Romagna e Anas. Tutti i presenti hanno condiviso la necessità di rielaborare un progetto che preveda una serie di interventi per migliorare e mettere in sicurezza la principale viabilità che collega la Repubblica con il Comune di Rimini e il Comune di Coriano. Elementi che il Segretario Michelotti ha poi esplicitato nella successiva Commissione Sanità e Territorio, rispondendo alle sollecitazioni delle minoranze. "Entro il 2019 gli 11 interventi previsti, dal casello di Rimini sud al confine, verranno reinseriti nel piano dei lavori dell'Anas, dal quale erano spariti". Infatti, "è emerso che i progetti preparati per quell'infrastruttura sono stati messi in un cassetto e spariti dalla programmazione Anas. Ci siamo così mossi e insieme alla Regione abbiamo chiesto appuntamento al Ministero dei trasporti a Roma". Ma "nel frattempo è caduto il governo in Italia, ci sono state le elezioni", ha ricordato Michelotti, facendo intendere ulteriori ritardi. "Finalmente siamo comunque riusciti ad avere un appuntamento e abbiamo incontrato il responsabile delle infrastrutture del ministero che ci ha rassicurato. Il progetto della Superstrada in zona italiana verrà reinserito tra le opere previste dall'Anas nei prossimi due anni, entro gennaio 2019 il progetto verrà reinserito". Rassicurazioni in tal senso sono arrivate dal responsabile infrastrutture del Ministero dei Trasporti italiano. Inoltre "i semafori verranno eliminati", ha affermato Michelotti, "e saranno chiusi gli attraversamenti a raso". In merito alla rotatoria per il Polo della Moda, che come noto andrà realizzata sulla superstrada, il Segretario ha annunciato che entro il 2019 cominceranno gli espropri e la realizzazione della bretella che dovrà arrivare nelle vicinanze del Polo stesso. La Segreteria, nel frattempo, segue la gestione amministrativa della convenzione, per evitare ritardi nella costruzione di The Market: "Si pensa di poter chiudere il cantiere nel giro del prossimo anno".