L’abbecedario delle assicurazioni e tutte le singole casistiche
PDF Stampa
Venerdì 28 Dicembre 2018

BSM Matteo Bernardi

 

di Matteo Bernardi

 

L'assicurazione è il trasferimento, da un soggetto a un altro, di un rischio. Il soggetto che trasferisce il rischio è l'assicurato, quello che se lo accolla è l'assicuratore.

Un contratto di assicurazione è quindi una garanzia che un soggetto pone contro la possibilità che si verifichi un evento futuro e incerto, che recherebbe un danno al suo patrimonio o alla sua salute.

La parola polizza, etimologicamente, significa promessa.

Nel moderno gergo delle assicurazioni la polizza è la parola che si usa per designare il contratto di assicurazione in quanto tale, quello mediante il quale l'assicuratore, previa la riscossione di un premio, si impegna a rivalere l'assicurato di un danno, qualora si verificasse, mediante il pagamento di un capitale o di una rendita.

Il contratto di assicurazione ha origine con le prime forme di gestione dei rischi e dal principio di mutualità, nato nelle comunità agricole e nel settore del trasporto delle merci marittime.

Le compagnie di assicurazione, attraverso le polizze, si fanno carico dei rischi finanziari delle persone fisiche, o delle aziende.

In materia assicurativa per "rischio" si deve intendere la possibilità di avveramento di un fatto futuro e incerto.

L'impresa di assicurazione stima la probabilità di accadimento del rischio sulla base dell'analisi della frequenza dell'evento.

La frequenza e il costo medio sono gli elementi di base per determinare il prezzo del prodotto assicurativo.

Ogni assicurato entra a far parte di un cluster che ha come fine l'accumulo dei capitali necessari a far fronte ad un determinato rischio.

 

I RISCHI COPERTI DAI RAMI DANNI


1 - Infortuni: prestazioni forfettarie, indennità temporanee, forme miste, persone trasportate;

2 - Malattie;

3 - Danni subiti da veicoli terrestri, ferroviari, aeromobili e imbarcazioni;

4 - Merci trasportate;

5 - Incendio ed elementi naturali;

6 - Responsabilità civile autoveicoli terrestri, aeromobili, veicoli marittimi, lacustri e fluviali;

7 - Credito - cauzione: fideiussioni assicurative;

8 - Perdite pecuniarie di vario genere: tutela per spese legali;

9 - Assistenza alle persone in difficoltà a seguito del verificarsi di un evento fortuito.

 

I RISCHI COPERTI DAI RAMI VITA

 

1 - Le assicurazioni sulla durata della vita umana;

2 - Le assicurazioni di nuzialità e di natalità;

3 - Le assicurazioni di cui ai punti 1 e 2 connesse con fondi di investimento;

4 - Le assicurazioni malattia e le assicurazioni di non autosufficienza;

5 - Le operazioni di capitalizzazione;

6 - Le operazioni di gestione di fondi collettivi.

 

IL CONSULENTE ASSICURATIVO

 

Si intende una persona che, avendo accertata qualifica in una materia, consiglia e assiste il proprio committente nello svolgimento di cure, atti, pratiche o progetti, fornendo o implementando informazioni, pareri o soluzioni attraverso il proprio know how e le proprie capacità di problem solving. Il consulente deve:

1 - Sensibilizzare e educare un corretto approccio al rischio;

2 - Acquisire le informazioni e definire aspettative e obiettivi;

3 - Analizzare e valutare lo status finanziario del cliente;

4 - Sviluppare e presentare soluzioni ottimali;

5 - Monitorare e aggiornare le soluzioni nel tempo.