Repubblica di San Marino, lo “storico” presepe di Massimo Agostini
PDF Stampa
Venerdì 21 Dicembre 2018

Presepe Massimo Agostini

 

di Alessandro Carli

 

Le promesse vanno mantenute. Ne è convito Massimo Agostini che anche quest'anno ha impreziosito l'ingresso di Città con il suo tradizionale presepe, un'abitudine che dal 1996 porta avanti con grande passione. Lo scorso anno la novità della rappresentazione della natività era stata, come ricorderanno i nostri lettori, la miniatura di Palazzo Pubblico. "Per il 2018 – racconta ho realizzato la Pieve, sempre in pietra di San Marino. Mi piace aggiungere sempre un particolare in più: il Centro storico è un tesoro di edifici". Il presepe, che nasce a scopo benefico, è un'iniziativa privata che nasce in sinergia con la Giunta di Castello. "Ho iniziato a lavorarci a tempo perso il 15 novembre e il 1 dicembre era pronto" racconta Massimo, che poi guarda verso il futuro. "Il prossimo anno metterò la Chiesetta di San Pietro. Ma non sarà l'ultima novità: tra i monumenti più caratteristici del Titano che troveranno spazio nel mio presepe ci sarà anche il Kursaal".