Economia, Premio Nobel 2018 agli studiosi Nordhaus e Romer
PDF Stampa
Martedì 16 Ottobre 2018

Nobel 2018

 

di Alessandro Carli

 

La Royal Swedish Academy of Sciences ha deciso di assegnare il premio Nobel 2018 in Scienze economiche a William D. Nordhaus (Yale University, New Haven, USA) per gli studi effettuati "per integrare il cambiamento climatico nell'analisi macroeconomica di lungo periodo" e a Paul M. Romer (NYU Stern School of Business, New York) per "le innovazioni tecnologiche nell'analisi macroeconomica di lungo periodo".

William D. Nordhaus e Paul M. Romer, spiega in una nota spiega la Royal Academy "hanno progettato metodi per affrontare alcune delle domande più basilari e pressanti del nostro tempo su come creiamo una crescita economica sostenuta e sostenibile a lungo termine. Al centro, l'economia si occupa della gestione delle scarse risorse. La natura impone i principali vincoli alla crescita economica e la nostra conoscenza determina quanto bene affrontiamo questi vincoli. I vincitori di quest'anno hanno ampliato significativamente la portata dell'analisi economica costruendo modelli che spiegano come l'economia di mercato interagisce con la natura e la conoscenza".

I contributi di Paul Romer e William Nordhaus, annota la Royal, "sono metodologici, fornendoci informazioni fondamentali sulle cause e le conseguenze dell'innovazione tecnologica e dei cambiamenti climatici. I vincitori di quest'anno non consegnano risposte conclusive, ma le loro scoperte ci hanno portato molto più vicino a rispondere alla domanda su come possiamo ottenere una crescita economica globale sostenuta e sostenibile".

Il cambiamento tecnologico Romer dimostra come le conoscenze possano fungere da motore della crescita economica a lungo termine. Quando la crescita economica annuale di pochi punti percentuali si accumula nel corso di decenni, trasforma le vite delle persone. La precedente ricerca macroeconomica aveva enfatizzato l'innovazione tecnologica come motore principale della crescita economica, ma non aveva modellato come le decisioni economiche e le condizioni del mercato determinano la creazione di nuove tecnologie. Paul Romer ha risolto questo problema dimostrando come le forze economiche governano la volontà delle imprese di produrre nuove idee e innovazioni.

La soluzione di Romer, pubblicata nel 1990, pose le basi di quella che oggi viene chiamata teoria della crescita endogena. La teoria è sia concettuale che pratica, in quanto spiega come le idee sono diverse dagli altri beni e richiedono condizioni specifiche per prosperare in un mercato. La teoria di Romer ha generato grandi quantità di nuove ricerche sui regolamenti e sulle politiche che incoraggiano nuove idee e prosperità a lungo termine.

I cambiamenti climatici I risultati di Nordhaus riguardano le interazioni tra società e natura. Nordhaus ha deciso di lavorare su questo argomento negli anni '70, in quanto gli scienziati erano diventati sempre più preoccupati per la combustione dei combustibili fossili, con il risultato di un clima più caldo. A metà degli anni '90, è diventato il primo a creare un modello di valutazione integrato, ovvero un modello quantitativo che descrive l'interazione globale tra economia e clima. Il suo modello integra teorie e risultati empirici di fisica, chimica ed economia. Il modello di Nordhaus è ora ampiamente diffuso e viene utilizzato per simulare il modo in cui l'economia e il clima si evolvono. È utilizzato per esaminare le conseguenze degli interventi sulla politica climatica, ad esempio le tasse sul carbonio.

 

Tutti gli altri Premi Nobel 2018

 

Il Nobel per la fisica 2018 è stato assegnato a Arthur Ashkin (Bell Laboratories, Holmdel, USA) "per le pinzette ottiche e la loro applicazione ai sistemi biologici" e alla coppia Gérard Mourou - Donna Strickland "per il loro metodo di generazione di impulsi ottici ultra-corti ad alta intensità". Le invenzioni che sono state onorate, così la giuria, "hanno rivoluzionato la fisica dei laser. Oggetti estremamente piccoli e processi incredibilmente rapidi vengono ora visti sotto una nuova luce. Strumenti di precisione avanzati aprono aree di ricerca inesplorate e una moltitudine di applicazioni industriali e mediche".

Il potere dell'evoluzione si rivela attraverso la diversità della vita. I Premi Nobel del 2018 in Chimica – l'Istituto di tecnologia Frances H. Arnold, George P. Smith e Sir Gregory P. Winter - "hanno preso il controllo dell'evoluzione e l'hanno usato per scopi che portano il massimo beneficio all'umanità. Gli enzimi prodotti attraverso l'evoluzione diretta vengono utilizzati per produrre tutto, dai biocarburanti ai prodotti farmaceutici. Gli anticorpi si sono evoluti usando un metodo chiamato fago display in grado di combattere le malattie autoimmuni e in alcuni casi curare il cancro metastatico".

Il Premio Nobel 2018 in Fisiologia o Medicina invece è stato assegnato congiuntamente a James P. Allison e Tasuku Honjo "per la loro scoperta della terapia del cancro mediante l'inibizione della regolazione immunitaria negativa".

Il Nobel per la Pace invece è andato a Denis Mukwege e Nadia Murad per i loro sforzi nel porre fine all'uso della violenza sessuale come arma di guerra e conflitto armato.

Quello per la letteratura non è stato assegnato a causa dello scandalo che ha coinvolto il fotografo Jean-Claude Arnault, marito di Katarina Frostenson, membro dell'Accademia di Svezia.