IAM, gestione rifiuti: il nostro servizio di pulizia del “salotto” del Titano
PDF Stampa
Martedì 07 Agosto 2018

IAM servizio centro storico

 

di Mattia Marinelli

 

Siamo anche all'interno di quel "luogo" che esattamente 10 anni fa è stato inserito tra i Patrimoni mondiali dell'UNESCO.

Dal 26 luglio al 4 settembre difatti la IAM svolgerà un servizio specifico - appaltato dall'Azienda Autonoma di Stato per i Servizi pubblici, quindi AASS - per cercare (e ci riusciremo) di tenere pulito il Centro Storico della Repubblica di San Marino. Servizio richiesto perché siamo nel periodo di massima affluenza turistica e quindi c'è maggior bisogno di rinforzare lo spazzamento delle strade e delle stradine più frequentate, anche perché, complice il tempo e il clima gradevole, spesso le persone si fermano anche oltre l'imbrunire.

Affluenza e estate si traducono in "presenze" ma anche, inevitabilmente, in rifiuti prodotti: i cassonetti così si riempiono con grande velocità ed è importante, sia per il decoro del nostro "salotto" che per la salute dei turisti, che la sera sia tutto in ordine.

L'Azienda Autonoma di Stato per i Servizi pubblici esegue il servizio la mattina presto mentre il nostro impegno scatta alle 16 in punto e si protrae sino alle 20. Nonostante la "domanda" sia stata di sole due unità operative, per compiere al meglio quanto ci è stato richiesto abbiamo deciso di mettere sul campo (o meglio, nelle viuzze e nelle piazze) quattro operatori: oltre ai due operatori urbani, il team è composto anche da Nicholas Frassini e Filippo Sartini (esatto, il ragazzo che avete "conosciuto" sulle pagine di San Marino Fixing esattamente una settimana fa), che aiutano i primi due a svolgere le mansioni assegnate.

Il servizio non viene eseguito prevalentemente all'interno delle mura di Città: i nostri "Fab four" difatti operano anche al di fuori del perimetro e il loro compito è quello di svuotare tutti i cassonetti Eco-cono e di spazzare i percorsi frequentati dalle persone.

Non solo: tra le loro mansioni c'è anche quella di igienizzare i cassonetti e di detergerli con appositi prodotti.

Questo perché vogliamo fornire un contributo al Paese e ci piace farlo nel migliore dei modi.

Lo staff, prima di partire con questo servizio, è stato sensibilizzato rispetto al patrimonio artistico del Monte Titano e ha seguito un corso di formazione specifico che ha riguardato la valutazione del rischio e altri dettagli legati alla sicurezza.

Scarpe, divise e scopettoni sono rigorosamente a norma, così come la loro preparazione.

È anche grazie a loro, che si affiancano ai servizi di pulizia erogati dello Stato, che i turisti possono trovare in ordine, la mattina, il nostro fiore all'occhiello.