San Marino, neve: disagi e aumento del Biossido di Azoto
PDF Stampa
Giovedì 15 Marzo 2018

neve meteo

 

di Alessandro Carli

 

Le nevicate che hanno interessato anche la Repubblica di San Marino tra la fine di febbraio e i primi giorni di marzo hanno creato non pochi disagi - scuole chiuse e viabilità in grande difficoltà - ma hanno anche mantenuto i livelli di Ozono, di PM 10 e di Benzene sotto ai limiti previsti per Legge (DD n. 44 del 2012). Neve e ghiaccio che però hanno fatto "sforare" i limiti di Biossido di Azoto del Titano.

E' quanto emerge dal bollettino dell'ISS, che monitora giorno per giorno la qualità dell'aria attraverso la "torretta" ubicata a Serravalle in piazza Bertoldi.

Preso per comodità il periodo che va dal 26 febbraio al 3 marzo 2018, i limiti di Biossido di Azoto (il NO2 è un gas irritante per l'apparato respiratorio e per gli occhi che può causare bronchiti che si forma nei processi di combustione) sono stati sforati due volte: il 1 e il 2 marzo quando la "torretta" ha fatto rilevare rispettivamente 213,8 microgrammi (milionesimi di un grammo) per metro cubo d'aria alle ore 12 e 210,3 µg/m3 alle ore 13. Valori vicini ai limiti consentiti anche il 28 febbraio (196,6 alle ore 6) e il 3 marzo (198,5 alle ore 9). Nel periodo analizzato comunque la media giornaliera si è mantenuta sotto ai livelli di guardia.

Come detto, i livelli di Ozono, PM 10 e Benzene invece non hanno fatto registrare sforamenti. Ricordando che i limiti consentiti di Ozono sono di 180 µg/m3 in un'ora e di 120 µg/m3 in un arco di tempo di otto ore, i valori non hanno mai superato i 100 microgrammi per metro cubo d'aria. Al 5 marzo 2018 la Repubblica non ha mai superato le "eccezioni" concesse in 12 mesi, che sono 25.

Nessun problema nemmeno per le PM 10: dato 50 microgrammi al metro cubo come limite consentito, nel periodo messo sotto osservazione non si sono registrati sforamenti (il DD 44/2012, lo ricordiamo, ne ammette 35 all'anno).

Anche la quantità di Benzene nell'aria non ha destato preoccupazioni: il sopracitato Decreto Delegato pone come tetto una media annuale di 5 microgrammi per metro cubo. La media al 5 marzo è di 1,29 µg/m3.