Sigep, l'alimentazione incontra la creatività 
PDF Stampa
Venerdì 23 Gennaio 2009

“Vi confesso – ha spiegato il giorno del taglio del nastro il presidente di Rimini Fiera Lorenzo Cagnoni – un pizzico di emozione perché oggi festeggiamo un traguardo importantissimo: 30 anni di dolciario artigianale all’interno di una fiera che in questi anni è cresciuta moltissimo e che sono convinto abbia offerto un contributo concreto alla diffusione nazionale ed internazionale di un made in Italy della gelateria e pasticceria artigianali prestigioso e inarrivabile. Sigep rappresenta oggi una delle punte di diamante della nostra attività di organizzatori fieristici”. Oltre 90.000 i mq di esposizione con circa 750 aziende presenti per il primo evento del 2009 ospitato – fino a mercoledì scorso - nella bellissima struttura di Rimini Nord. Tra i padiglioni una vetrina di macchinari, materie prime e ingredienti, arredamento, accessori, decorazioni, servizi, editoria e comunicazione. Ma anche grandi laboratori e palcoscenici per concorsi internazionali, campionati, corsi e seminari. Poi la pizza, uno dei massimi alimenti del made in Italy, la dama pizza, farcita e semplice, che attira sempre moltissimi golosi, pronti alla prova dell’assaggio. Sul fronte degli eventi collaterali, grande partecipazione per Gelato in Tavola, Deliciuos & Famous, Sigep Giovani (con un focus sulle torte nuziali provenienti dalle diverse regioni), Sigep Bread Cup e il Campionato Italiano di Cioccolateria, la più prestigiosa competizione internazionale dedicata all’uso creativo del cioccolato. Sono opere d’arte, composizioni delicatissime, da ammirare più che da degustare. E gli attenti visitatori, quasi basiti, hanno scattato fotografie e chiesto informazioni. Per tre giorni tredici maestri cioccolatieri provenienti da tutta Italia hanno dato prova delle loro abilità professionali attraverso la realizzazione di un’opera completamente in cioccolato ispirata al tema dell’alta moda, oltre a una torta al cioccolato, due differenti tipi di praline ed una monoporzione al cioccolato. Durante lo svolgimento della gara hanno inoltre ricevuto una “Mistery Box” con istruzioni specifiche per creare un dolce al bicchiere. Vincitore assoluto del Campionato e unico rappresentante italiano che avrà accesso al World Chocolate Masters di Parigi 2009 è risultato Ernst Knam, maestro cioccolatiere di Milano, che ha presentato un opera dal titolo “Haute couture in movimento con effetto prismatico”. Ma è stata anche la Fiera delle realtà locali, di una miriade di aziende che lavorano nel quotidiano, che lavorano per l’eccellenza. Come la Leagel di San Marino, azienda che si occupa di semilavorati per gelateria e pasticceria, e che al Sigep ha presentato i prodotti per il 2009: le basi latte, quelle di frutta, i neutri, gli yogurt, la linea “easy”, i preparati aromatizzati, il gelato al cioccolato, il gelato caldo, quello di soia, quello al riso, la linea ristorazione, le granelle, gli sciroppi e la pasticceria. Un’azienda nata circa 30 anni fa, fa leva sulla tecnologia e sulla professionalità: “Nell’ideare e realizzare i nostri prodotti – spiegano i vertici – mettiamo la stessa cura che i gelatieri impiegano per preparare i loro alimenti, sempre certi di fornire non solo un prodotto eccellente ma anche un servizio tecnico di qualità”. Sempre gelati, ma non solo, per la Fugar, azienda di Verucchio. Obiettivo della realtà romagnola, quello di fornire alla clientela semilavorati di alta tecnologia nel rispetto totale della tradizione e della naturalezza del prodotto. Per ottenere tutto questo, in Fugar opera un affiatato staff di tecnici di consolidata esperienza. Il loro lavoro viene supportato dall’utilizzo delle più moderne apparecchiature scientifiche presenti nei due laboratori di analisi. Tra i semilavorati, alcuni hanno ricevuto riconoscimenti per la loro alta qualità: pasta di nocciola Piemonte T.G.L. I.G.P. pura al 100%, pasta pistacchio smeraldo di Bronte puro al 100%, pasta pinolo di Pisa puro al 100%, pasta mandorla di Bari puro al 100%, crema nocciola e cacao, zabaione, mascarpone, caffè e Grand Orange 40° . Il team di R&S ha maturato, nel corso degli anni, una particolare sensibilità nella progettazione e definizione di ricette in linea con le nuove tendenze del mercato. Assoluta attenzione e primaria importanza viene posta nell’individuazione della materia prima più idonea, che viene ricercata con il più alto standard qualitativo. Non solo aziende, però: tra gli eventi a latere, ricordiamo anche “Gusto bullo esaurito”, la campagna di comunicazione a cura delle gelaterie artigianali riminesi contro il bullismo, tradotta in locandine e magliette.