Sigep: alla Francia la Coppa del Mondo
PDF Stampa
Lunedì 01 Febbraio 2010

Sulle note della “Marsigliese” - la Francia ha vinto la quarta Coppa del Mondo della Gelateria, al 31esimo Sigep - la Regione Emilia Romagna ha annunciato il suo ingresso nel capitale di Rimini Fiera con il trasferimento del 5,8% delle azioni. Le quote sono state acquisite dalla Regione in eguale misura da quelle di Provincia e Comune di Rimini per un importo complessivo pari a 9 milioni di euro. Tale operazione manterrà inalterati gli equilibri delle quote tra pubblico e privato. L’acquisto delle quote comporterà l’ingresso di un rappresentante della Regione nel Consiglio d’amministrazione di Rimini Fiera. “Un operazione decisiva - ha detto in conferenza stampa l’assessore alle attività produttive, Duccio Campagnoli - per facilitare il processo di collaborazione e integrazione del sistema fieristico regionale. L’obiettivo generale che motiva questa scelta è quello di affermare sempre più il ruolo delle grandi società fieristiche dell’Emilia Romagna nel panorama economico nazionale anche attraverso le decisive sinergie che potranno instaurarsi tra i vari poli in termini di cooperazione, intese commerciali e organizzative”. Per il presidente di Rimini Fiera, Lorenzo Cagnoni, “con l’ingresso della Regione nella nostra società si dà formalmente l’avvio ad un percorso al quale stiamo lavorando da anni e nel quale crediamo fermamente”.
Il tutto mentre Rimini profuma ancora di pasticceria, gelati e pizze.
In attesa dei dati finali il Sigep ha messo in mostra anche la grande novità 2010: si chiama “Orzopizza”, ed è un prodotto a bassa tenuta di zucchero, realizzato con orzo bianco, che permette di gustare le delizie della pizza anche a chi soffre di diabete. Per ora viene servita in due pizzerie romagnole: una a Bellaria, l’altra a Forlì.
Le speranze sono di emulare il grande successo della pizza al kamut, con la quale l’Italia è primatista mondiale davanti alla Spagna, grazie a ben 450 locali che la producono. Perché c’è una richiesta così elevata? Secondo il vice presidente della Nazionale Italiana Pizzaioli, il bellariese Matteo Giannotte, il motivo principale sta nella qualità e nelle proprietà salubri della pizza al kamut, che è l’ideale per chi fa sport: “Basti pensare che ormai quasi tutti gli sportivi consumano solo pizza al kamut. Un nome su tutti? Per esempio il pilota della Yamaha Jorge Lorenzo”.
Ma il Sigep è anche altro: è design - quello che ha presentato il riminese Bruno Bernardi con il suo lampadario  -, innovazione e cibo. E ironia, la stessa che ha permesso ad una gelateria calabrese di aggiudicarsi il premio per il nuovo gusto più buono. L’hanno chiamato “terroncello”, perché in fondo esiste un orgoglio di appartenenza che lega le tradizioni alla cucina.
Tra le chicche dell’evento, l’iniziativa “Un nome per una pralina da Trofeo” promossa da Rossi&Partners in collaborazione con Chococlub. Silvio Bessone, vincitore del Trofeo Sensoriale Sigep Chococlub 2009 e Primo Cioccolatiere Europeo, ha creato in esclusiva per Sigep 2010 un’inedita pralina. Tra gli ingredienti del nuovo cioccolatino: mandorla, fragola, liquore di vaniglia, cioccolato al latte e fondente. La pralina è stata esposta nell’area Rossi&Partners, dove il pubblico ha potuto ammirarla e degustarla in tre esclusivi momenti suggerendo, attraverso un’apposita cartolina, il nome più adatto per la nuova golosa creazione del maestro cioccolatiere.
Alessandro Carli