San Marino, i soggetti bancari restano 6
PDF Stampa
Mercoledì 23 Ottobre 2013

 

Sei soggetti bancari si dividono attualmente il mercato interno di San Marino. Ecco chi sono e come si sono mossi in questi mesi. La prima banca è Cassa di Risparmio, forte di 130 anni di attività ma reduce anche dal periodo più difficile della propria storia. Le recenti vicende hanno contribuita a tenerla lontano dalla bagarre della ristrutturazione del sistema. Oggi conta 13 filiali e uno sportello e poco meno di 150 dipendenti. L'altro istituto che non ha dato vita a fusioni o acquisizioni in questa fase è la Banca Sammarinese d'Investimento (BSI), nata a Rovereta nel 2005 da un gruppo di imprenditori sammarinesi di successo, che oggi conta quattro filiali tra Dogana, Borgo e Città. Banca di San Marino è la seconda banca storica del Titano per fondazione. Il gruppo ruota attorno a BSM e recentemente ha acquisito l'ex Smib (San Marino International Bank), a sua volta ex Banca del Titano, trasformata in Banca Impresa San Marino. BSM conta attualmente 151 dipendenti e 12 filiali. Un altro gruppo bancario è quello capeggiato da Asset Banca, che - tra le altre operazioni di sistema - ha anche provveduto a rilevare il ramo d'azienda di Banca Commerciale, conta invece quattro filiali, oltre la sede centrale di Dogana. Poi c'è Banca CIS, nata invece dall'unione di Banca Partner con il Credito Industriale Sammarinese, una delle quattro cosiddette "banche storiche". Il nuovo gruppo così costituitosi conta attualmente cinque filiali. Inoltre dal 1 settembre 2013 tutta l'attività bancaria di Euro Commercial Bank è stata trasferita a Banca CIS. Infine c'è il gruppo di Banca Agricola Commerciale, che si è recentemente fusa con l'Istituto Bancario Sammarinese. La storia di BCS è iniziata nell'ormai lontano 1920. Oggi è presente su tutto il territorio della Repubblica con 13 filiali retail e 145 dipendenti. Rispetto alla situazione pre-crisi, l'unica banca che ha chiuso è il Credito Sammarinese. Nei prossimi mesi si decideranno le sorti anche di ECB e BCS, che comunque sono già entrate nell'orbita di altri gruppi.