Emanuele Nicolini, l’eterno che ritorna: per il Titano bronzo nei 400 sl ai Giochi dei Piccoli Stati
PDF Stampa
Giovedì 02 Giugno 2011

dall’inviato
Pierfrancesco Grossi

 

Nicolini_bronzo8VADUZ - Il bronzo del tennis tavolo maschile, l'argento di Mirko Bugli nel tiro a segno, ma soprattutto la terza piazza di Emanuele Nicolini nei 400 stile libero, a coronare una giornata magica per San Marino qui in Liechtenstein. Pure una leggera pioggerella all'impianto del nuoto all'aperto di Vaduz, ma nemmeno quella ha potuto spaventare l'esperto nuotatore sammarinese che dopo una lunga pausa si è voluto regalare un'altra infinita soddisfazione, bronzo con un gran 4, 05, 54 alle spalle dell'Islanda e di Lussemburgo primo con 4,01, 03: "Diciotto mesi di inattività sicuramente sono tanti, e proprio per questo è stato ancora piu' bello - la gioia a caldo di Nicolini, commosso quasi fino alle lacrime al momento del podio per la sua diciassettesima medaglia -. Sono contento come un bambino, neanch'io mi aspettavo tanto. Addirittura pensavo ad un 4,08, questo 4,05 è stato veramente magico. Frutto di lavoro e dedizione. Bellissimo, con dedica a tutti quei sammarinesi che sanno sempre impegnarsi tanto. Quel lussemburghese che vince sempre è quasi mio amico ormai? Vabbè, solo fuori dalla vasca..." Grande spirito, di chi aspira ancora in alto. Già, perché le medaglie hanno sempre un profumo magico, e una tira l'altra. Anche perché ora si punta alla diciottesima e "con diciotto mi è stato detto che si diventa maggiorenni...". Sempre in piscina da registrare il quinto posto di Alberto Tasini nel cento dorso uomini con 1,02,90, ancora quinto di Mattia Guerra nei 100 rana con 1,12,65, il settimo dell'emozionatissima Sara Pagliarani alla sua prima volta in una finale, nei 400 stile con 4,44,6, e solo il sesto di Simona Muccioli nei 100 farfalla con 1,07, 53. Sesto anche Pietro Camilloni nei 100 farfalla con 0,58,6.

 

GUARDA LA FOTOGALLERY

 

Ma un'altra preziosa medaglia è arrivata ieri, dopo le prime cinque raccolte martedì, anche col tiro a segno di Mirko Bugli, secondo dietro l'islandese Sigurjeirsson: "Si sapeva che quell'avversario sarebbe stato davvero molto forte - il commento dello stesso Bugli - ma sono contento per questo premio. Dispiace solo per Cecchini". Che, ahilui, ha invece chiuso solamente quarto, dopo aver sfiorato di un nulla la terza piazza, vicinissima a due tiri dalla fine.

Nulla da fare nel tennis tavolo femminile per la coppia Giardi-Boffa nell'ultimo incontro contro Lussemburgo, e male, come prevedibile, la pallavolo maschile che ha incassato il secondo stop contro gli implacabili montenegrini con bruciante 0-3: "Sapevamo che sarebbe stata durissima - ha ricordato poi coach Maestri che già dopo il ko di martedì contro l'Islanda aveva messo in guardia dalla sfida di ieri - e cosi in effetti è stato". Nuovo trionfo invece per il volley femminile che, dopo il primo acuto al cospetto di Lussemburgo, ha bissato stracciando l'Islanda con secco 3-0 (25-23, 25-21 e 25-19).

Nell'atletica quarto posto per Martina Pretelli nei 100, più indietro Gorrieri. In mattinata scivolone nel tennis di Zonzini contro Balleret: 2-0 (6-1, 7-5).

 

IL PROGRAMMA DI OGGI

Questo invece il programma di oggi: via alla mattina presto con la cronometro di ciclismo a main strett Ruggel, a Eschen invece tanto judo, mentre nella piscina di Vaduz sarà ancora la volta di tanto nuoto, tra la Muccioli, la Pagliarani, Camilloni, Guerra, Nicolini, e poi tennis che resta speranza di oro con Galvani. La squadra di Maestri sfiderà Lussemburgo. Via anche al doppio di tennis tavolo.


 

Il Medagliere
G S B
1   Luxemburg 18 4 8
2   Cyprus 12 12 6
3   Iceland 9 11 13
4   Monaco 4 3 7
5   Liechtenstein 2 5 5
6   Andorra 1 5 3
7   Montenegro 1 0 1
8   Malta 0 5 2
9   San Marino 0 2 6