Colpo di scena a San Marino: il turismo torna a crescere
PDF Stampa
Mercoledì 14 Marzo 2012

turismo

 

Buone notizie dal settore turistico. Il 2011 si è chiuso con un movimento di 2.038.359 visitatori, pari a un aumento del 3,1% rispetto al 2010. Nel dettaglio si registra un aumento del 6% dei visitatori in pullman, e in particolare  degli escursionisti stranieri (+12 %intermediati e +5,6% di quelli in auto); un aumento del 3,9% della quota di visitatori in pullman che raggiungono la Repubblica in quanto tappa di un tour dell’Italia o dell’Europa, e un +1,9% dei visitatori indipendenti, dato importante dato che questa categoria rappresenta il 70% dei visitatori totali. Quanto all’obiettivo della destagionalizzazione, risultati molto incoraggianti, con il +14% di ottobre, +8,6% di novembre, +24% di dicembre. La maggiore quota di clientela è costituita da clientela leisure, ovvero di ‘piacere’ e per eventi (69%), mentre per il 32% sono clienti d’affari. Per quanto riguarda l’occupazione alberghiera, la stagione estiva 2011 è stata la migliore degli ultimi 5 anni. con una occupazione camere nei mesi di luglio e agosto pari al 70% (contro il 59% dell’estate 2010). La durata media della visita a San Marino sta spostandosi da 2 ore al massimo a 4 ore. Nel 2011 la quota di visitatori con una sosta nel centro storico compresa tra le 2 e le 4 ore è stata del 73,1% contro il 69,9% del 2010; si tratta del secondo anno consecutivo di crescita. Gli italiani che fanno soste superiori alle 4 ore sono superiori agli stranieri: 13,3% contro il 4,0%.

 

Ravenna e Rimini: ok porto e aeroporto

 

La partnership con l’autorità portuale di Ravenna per la promozione del mercato crocieristico ha generato nel 2011 l’arrivo di 132 bus su 56 toccate per un totale di circa 6.600 escursionisti; piccoli numeri che però denotano una crescita: l’anno precedente i bus infatti erano stati appena 30. Importante anche quella con l’Aeroporto Fellini di Rimini-San Marino che è uno scalo privilegiato per i maggiori tour operator russi, come Natalie Tour e Danko, che nell’estate 2011 hanno fatto collegamenti con 11 città e garantito un traffico aereo di circa 400.000 turisti nel periodo gennaio-novembre 2011, circa la metà del totale (871.194, con un aumento sul 2010  di circa il 64%), attestandosi come 5° scalo europeo per aumento di passeggeri nell’ultimo anno.  In particolare, la Danko ha registrato un +35%  di voli su Rimini dalla Russia. I russi nel 2011 sono aumentati rispetto al 2010 del 35% e  costituiscono il 74%  del movimento estero intermediato e il 28% del movimento internazionale. Interessante notare anche la variazione in aumento del turismo dal Regno Unito +42,8% (0,6% del movimento int.) e dai Paesi extraeuropei +26,5% (1,6% m.i.).

 

Capacità ricettiva: la fotografia

 

A San Marino, le licenze commerciali turistiche sono circa 300, per lo più operative nel centro storico; le strutture ricettive sono invece 28, per un totale di 837 camere e 2.250 posti letto. Oggi la capacità ricettiva si declina in hotel da 4 fino a 1 stella, in residenze turistico alberghiere, ostelli, case per vacanze, camping, affittacamere, bed&breakfast.  Sono in corso di completamento i regolamenti per l’apertura di agriturismi, già previsti dalla legge quadro sul Turismo.

 

Servizio bus e parcheggi in centro storico

 

La capacità di posti auto nel centro storico e immediate vicinanze è di 2.098 posti, distribuiti su 10 parcheggi. Un servizio di trasporti privato (Benedettini-Bonelli) svolge servizio di collegamento tra San Marino città e Rimini, ma esistono altre linee non di uso turistico. In inverno sono circa 11 le corse A/R, durante la stagione estiva invece (dal 10 giugno al 20 novembre) la fascia oraria viene ampliata con l’aggiunta di una corsa nelle ore serali (20,30 anziché 19,15) e con corse notturne (21.45 - 23), ma nei periodi di maggiore flusso, vengono attivati da alcuni anni servizi supplementari, per sostenere il prolungamento del tempo di permanenza dei visitatori e nuove fasce orarie di visita, anche legata a eventi particolari (Etnofestival, Giornate medioevali, eccetera), e anche questo è un servizio importante offerto ai visitatori. Oltre al servizio Funivia (attivo da 52 anni con una media di più di 400.000 biglietti l’anno), servizi navetta a carattere straordinario consentono di collegare le zone di parcheggio periferiche con il centro storico.