San Marino, Sinistra Unita: la scomparsa di Massimo Rendina
PDF Stampa
Martedì 10 Febbraio 2015

 

La Resistenza italiana perde un altro dei suoi protagonisti: si è spento a Roma, domenica scorsa, il Comandante Max, Massimo Rendina, Vice Presidente dell'Anpi. Sinistra Unita si unisce al cordoglio di tutte le forze progressiste che oggi ne piangono la morte, consapevoli che rimarrà vivo il suo grande e forte esempio di vita dedicata a quegli ideali di democrazia e libertà per i quali milioni di persone hanno combattuto e si sono sacrificate durante il secondo conflitto mondiale.

Vogliamo ricordare, nell'anno del 70° anniversario della Liberazione italiana dal nazi-fascismo, un passaggio di uno degli ultimi interventi di Rendina in cui si ribadisce l'attualità dell'esperienza resistenziale, poiché:

"La Resistenza va riproposta per il suo carattere propedeutico che coniuga la libertà con la dignità della persona e il diritto all'autorealizzazione".

Queste parole sono più che mai attuali e devono rappresentare le fondamenta per la rinascita di una società solida nei principi della libertà e della democrazia, in cui la persona e la propria dignità siano rimessi al centro dell'attenzione.