San Marino, la Cassazione riconosce che non c’è reato di evasione IVA nell’importazione in Italia
PDF Stampa
Venerdì 11 Gennaio 2013

SAN MARINO - Non c’è reato di evasione di IVA all’importazione per le merci che vengono importate dalla Repubblica di San Marino in Italia. La Cassazione (sezione Penale) si pronuncia con un’altra importante sentenza in favore del Titano, la n. 1172/2013, del 9 gennaio scorso. Una sentenza in cui il caso in questione è l’importazione di un natante immatricolato nei registro sammarinese.

La Suprema Corte ha dunque negato l’esistenza dei reati di contrabbando doganale e di evasione Iva all’importazione, accogliendo il ricorso del contribuente. Nella sentenza, viene richiamato l’Accordo di cooperazione e di unione doganale tra la Comunità europea e la Repubblica di San Marino, secondo cui gli scambi doganali con l’Italia sono eseguiti in esenzione da tutti i dazi all’importazione ed all’esportazione. In virtù di ciò, dunque, non è possibile applicare le regole generali sulle importazioni previste dal Dpr n. 600/72 al Titolo V.