Possibilità per le imprese sammarinesi di certificare i propri prodotti come biologici
PDF Stampa
Mercoledì 21 Novembre 2012

 

La Segreteria di Stato per il Territorio e l'Ambiente, l'Agricoltura e i Rapporti con l'A.A.S.L.P. comunica che con l'emanazione del Decreto Delegato 27 luglio 2012 n.94 "Recepimento delle norme dell'Unione Europea in materia di produzione ed etichettatura dei prodotti biologici" – con il quale l'ordinamento sammarinese si è completamente allineato alla normativa comunitaria in materia di produzioni biologiche – e con l'adozione, da parte della Commissione Europea, del recente Regolamento (CE) n.508/2012, è stata introdotta la possibilità per le imprese sammarinesi di certificare i propri prodotti come biologici sul mercato comunitario.

La normativa interna ha, in particolare, disciplinato tutte le fasi della produzione, preparazione, distribuzione e controllo dei prodotti biologici nonché l'uso delle indicazioni riferite alla produzione biologica nell'etichettatura e nella pubblicità, stabilendo obiettivi e principi della produzione biologica.

In particolare, uno dei principi generali della produzione biologica enunciati dalla normativa è il divieto di utilizzare organismi geneticamente modificati (OGM) e prodotti derivati o ottenuti da OGM. Questi prodotti sono considerati incompatibili con il concetto stesso di produzione biologica e con la percezione che ne hanno i consumatori: ciò significa che gli OGM e i prodotti derivati o ottenuti da OGM non debbono essere usati nella produzione biologica come alimenti, mangimi, ausiliari di fabbricazione, prodotti fitosanitari, concimi, ammendanti, sementi, materiale di moltiplicazione vegetativa, microrganismi e animali.

L'adozione delle predette norme a livello locale e comunitario costituisce certamente una importante opportunità di sviluppo per gli operatori sammarinesi in un settore in espansione e fortemente pubblicizzato quale è quello del biologico consentendo anche alle imprese della Repubblica di collocare sul grande mercato comunitario i propri prodotti certificandoli come biologici.

Il Regolamento (CE) n.508/2012 ha, infatti, riconosciuto ad Organismi di Controllo accreditati la possibilità di operare nel territorio sammarinese e di rilasciare certificati ai fini dell'immissione sul mercato comunitario per le seguenti categorie di prodotti biologici:

- prodotti vegetali non trasformati;

- prodotti agricoli trasformati destinati ad essere utilizzati come alimenti ottenuti con ingredienti a loro volta riconosciuti, in regime di equivalenza o conformità, come biologici sul mercato comunitario.

Con il sopra richiamato Regolamento comunitario si consente, pertanto, alle imprese sammarinesi di certificare i propri prodotti come biologici rivolgendosi agli Organismi di Controllo abilitati dalla Commissione Europea ad effettuare i controlli per la Repubblica di San Marino.

I suddetti Organismi di Controllo sono già operativi ed hanno avviato la propria attività di certificazione in territorio.