Iscrizioni e cessazioni: per la prima volta le imprese di Rimini sotto le 35mila unità
PDF Stampa
Venerdì 06 Febbraio 2015

 

Le imprese attive alla Camera di Commercio di Rimini al 31/12/2014 sono 34.503. Per la prima volta, secondo i dati Infocamere, il numero è sceso sotto quota 35.000 e al di sotto della numerosità pre-crisi. Dal 2007 in poi, infatti, il numero di imprese attive è risultato a fine anno: 35.442 (2007), 35.593 (2008), 35.476 (2009), 35.718 (2010), 35.949 (2011), 35.781 (2012), 35.419 (2013). 

 

SALDO ISCRITTE-CESSATE

Sulla base dei dati Infocamere il saldo delle imprese iscritte e cessate (considerando tutti i tipi di cessazioni) è di -938 (2.429 iscritte e 3.367 cessate). Analizzando la distribuzione dei movimenti per forma giuridica delle imprese (saldo nati-mortalità) risultano in crescita le società di capitale (+154), in calo le cooperative-associazioni-consorzi (-17) e in forte diminuzione sia le società di persone (-475) che le imprese individuali (-600).

 

I COMPARTI IN SOFFERENZA

I comparti che hanno risentito maggiormente del calo del numero di imprese rispetto al 2013 (in base alla differenza tra numero di imprese attive a fine anno) sono il settore secondario (-311), il terziario tradizionale (-300), il macro settore dei servizi (-194) e il settore primario (-116). Il peso del numero di imprese riminesi è per il 43% nei servizi, seguito dal 26% del terziario tradizionale, dal 23% del secondario e dall'8% del primario. L'unico ambito con incidenza crescente (nonostante il calo delle imprese attive in valore assoluto) è quello dei servizi., che quindi in proporzione alle imprese esistenti ad inizio anno ha registrato il calo inferiore.

 

CONFRONTO REGIONALE

Rimini inoltre è la peggiore rispetto alle altre province emiliano-romagnole con riferimento all'andamento della consistenza delle imprese attive; tutte registrano una variazione percentuale negativa (tra il 31/12/13 e 31/12/14), ma il decremento del territorio riminese (-2,6%) è il più alto rispetto alle altre province e alla diminuzione media regionale (-1,1%). Il saldo iscritte-cessate regionale risulta -3.650. La diminuzione media nazionale è ancor più contenuta e pari a -0,5%, mentre il saldo nati-mortalità di imprese è -12.713.