San Clemente, iter della variante al piano regolatore per Ceramica Del Conca
PDF Stampa
Mercoledì 09 Aprile 2014

 

Nell'ultimo consiglio comunale tra le proposte approvate spicca quella che consente l'ampliamento di Ceramica Del Conca, un'azienda importante per il territorio, balzata recentemente agli onori della cronaca, proprio per le difficoltà incontrate per l'ampliamento italiano e la facilità di apertura di un altro stabilimento negli USA.

Il progetto prevede la variazione urbanistica dell'area dove è insediata Ceramica Del Conca in tre diverse aree:

 

1) ampliamento delle linee produttive per mq 10.500 per la creazione di una linea produttiva che permetta l'esecuzione di tutte le nuove lavorazioni richieste dal mercato, permettendo così la diversificazione della produzione e il mantenimento della competitività dell'azienda;

 

2) nuovo magazzino automatizzato per mq 7.500 per permettere di soddisfare le esigenze logistiche e di immagazzinaggio che dal rivenditore si sono trasferite al produttore;

 

3) foresteria, esposizione, uffici per mq 800 al servizio delle attività.

 

In totale l'insediamento si sviluppa su un'area di mq 119.639 sui quali sono previsti diversi interventi di mitigazione paesaggistica in accordo alle previsioni di progetto validate dalla Soprintendenza ambientale di Ravenna.

Palpabile la soddisfazione del sindaco Christian D'Andrea, condivisa dall'intero consiglio comunale. L'iter è stato estremamente lungo e impegnativo ed ha coinvolto tanti soggetti diversi. L'azienda, infatti, sorge in un'area vicino al fiume Conca a massima tutela ambientale.

"Dopo un lungo cammino abbiamo approvato questa variante che, unitamente alla nuova viabilità in fase di ultimazione, consentirà a Ceramica Del Conca di poter guardare avanti nello sviluppo del proprio stabilimento a San Clemente" dichiara il Sindaco di San Clemente. "Non è stato facile giungere a questo importante risultato. Anche il comune spesso è stato vittima di una burocrazia eccessiva ma oggi possiamo goderci questo risultato ed augurarci importanti e proficui investimenti per questa che è la realtà economica più importante di questa vallata!"

"Il comune si è mostrato favorevole e parte diligente nel portare avanti l'iter - mette in evidenza il Presidente di Ceramica del Conca Enzo Donald Mularoni - e per questo gli siamo grati. Purtroppo da quando abbiamo chiesto l'ampliamento dello stabilimento ad oggi, sono passati molti cicli economici e il contesto del mercato italiano non è più lo stesso."

E' opinione condivisa che la responsabilità non sia della singola amministrazione locale, ma del sistema Italia che va rivisto per mettere in condizioni le aziende di cogliere le opportunità al momento giusto. "Anche se arrivata troppo tardi questa delibera – continua Mularoni – ci metterà comunque in condizioni di sfruttare le opportunità del prossimo futuro e quindi pensiamo che lo sforzo fatto non sia stato fatto invano".

Da ricordare che è in procinto di grande miglioramento anche la viabilità all'azienda, che ricade nel tracciato della nuova strada di accesso al nuovo ponte sul Conca e quindi collegata allo stesso nuovo ponte.