Cingoli: le banche italiane <br > sono pronte allo scudo
PDF Stampa
Lunedì 09 Novembre 2009

“Il problema, però, è quanti rientreranno effettivamente e quanti solo giuridicamente. Questi ultimi avranno effetti per l'erario ma non per la ricchezza del paese". Andrea Cingoli, amministratore delegato di Banca Esperia, in un'intervista alla Stampa parla degli effetti dell'applicazione dello scudo fiscale. "Nei precedenti due scudi - riferisce Cingoli - le banche straniere non erano ancora preparate in pieno". Questa volta, invece, "le banche straniere sono più preparate e quindi ci aspettiamo da parte loro una concorrenza forte". Di fronte allo scudo, spiega il banchiere, "quello che impossibile fare è standardizzare le strategie di rientro e soprattutto quelle successive". Una volta deciso di far rientrare i capitali, il consiglio di Cingoli, è di "agire con rapidità e riservatezza" e soprattutto pensare a quello che avverrà dopo il rimpatrio.

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online