La Banca Mondiale ha emesso il primo bond in valuta cinese
PDF Stampa
Lunedì 10 Gennaio 2011

Per la prima volta nella storia della finanza internazionale la Banca Mondiale ha comunicato la decisione di emettere un prestito obbligazionario denominato in yuan, la valuta cinese. Si tratta di un bond per 500 milioni di yuan, pari a circa 57 milioni di euro. Si tratta di un bond per 500 milioni di yuan, pari a circa 57 milioni di euro. Ma a fare notizia non è tanto il valore dell’obbligazione, quanto la decisione presa dalla Banca Mondiale di procedere ad un’emissione denominata nella valuta cinese, confermando un forte interesse a sostenere la crescita del mercato della Repubblica popolare e a promuovere l’uso di questa valuta nei mercati internazionali. Il bond in yuan ha un rating di tripla A, un rendimento dello 0,95% su base semiannuale, e la scadenza è fissata per il 14 gennaio 2013. Un rating così alto dovrebbe ulteriormente migliorare la reputazione della valuta cinese e spingere altri investitori a interessarsi allo yuan. Prima della Banca Mondiale, circa un anno fa Asian Development Bank, McDonald’s e Caterpillar hanno già emesso obbligazioni in yuan, alimentando un nuovo mercato di prodotti finanziari denominati in valuta cinese. E aiutando Pechino a raggiungere l’obiettivo che si è prefissata per il 2020: trasformare lo yuan in una delle principali valute internazionali, insieme a dollaro e euro.

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online