Borsa, crollo in Asia Piazza Affari in rosso
PDF Stampa
Lunedì 07 Giugno 2010

Inizio di settimana negativo per piazza Affari che, in sintonia con l'Europa, lascia sul terreno quasi due punti percentuali. A poco più di un'ora dall'apertura delle contrattazioni è il titolo Mediaset a segnare la perdita maggiore. Il titolo perde il 2,85% a 4,69 euro. Non va meglio per Tenaris che perde il 2,74% a 14,57, mentre Unipol lascia sul terreno il 2,65% a 0,62 euro. Unica nota positiva, in un Ftse Mib in rosso, è il titolo Autogrill che strappa +0,93% a 9,20 euro, mentre l'intero settore bancario e assicurativo registra una predita. Mediobanca segna un ribasso del 2,21%, ribassi di oltre il 2% anche per Banca Popolare di Milano e Mps. Intesa Sanpaolo registra un calo dell'1,76% a 1,95 euro, mentre Unicredit perde l'1,73% a 1,53 euro. In rosso anche Ubi Banca (-1,70%), tra gli assicurativi male Generali (-2,03%) e Fondiaria -Sai (-0,78%).


CRISI DEL DEBITO E OCCUPAZIONE USA: CALO PESANTE PER BORSE ASIATICHE
Calo pesante in Asia dei listini azionari su cui pesa la delusione per i dati sull'occupazione americana e i timori per l'allargarsi della crisi del debito in Europa. L'indice di riferimento dell'area torna ai minimi degli ultimi 14 mesi. Canon ha perso il 5,3%, Hsbc Holding il 3,8%, Bhp Billiton il 3,5 per cento. In generale soffrono i titoli che derivano una parte consistente del fatturato dall'export: Toyota Motor ha perso il 4%, Honda il 4,6 per cento. Deboli i titoli delle materie prime con Rio Tinto in calo del 3%, PetroChina del 4 per cento. Da segnalare il tonfo di Hon Hai (-5%), a Taipei. Nelle fabbriche dove si produce per la Apple l'iPhone c'è stata un'ondata di suicidi e il colosso taiwanese ha annunciato l'intenzione di raddoppiare i salari. Foxconn Technology, la controllata di Hon Hai che produce componenti per Apple, Sony, Dell e Hp ha perso il 7 per cento. Pesante Hitachi (-7%) che, secondo indiscrezioni di stampa, potrebbe perdere un contratto da 11 miliardi di dollari.


UNGHERIA: IN BORSA SOSPESA PRIMA BANCA DEL PAESE. PIANO MISURE SLITTA A DOMANI
Anche la borsa di Budapest ha aperto in calo, un calo (provvisorio) dell’1,4%. Con l’Ungheria nella bufera, è stato sospeso il titolo di Otp Bank, il principale istituto del Paese, dopo aver raggiunto ribassi anche del 10%.
Intanto slitta a domani l'annuncio del piano di misure economiche messo a punto dal governo ungherese. Lo ha dichiarato il ministro dell'Economia Gyorgy Matolcsy alla televisione TV2, secondo quanto riferisce l'agenzia Bloomberg. Il ministro ha comunque fornito qualche anticipazione: il governo, ha spiegato, potrebbe lanciare un piano ''radicale'' di riduzione delle tasse nell'arco di tre anni e potrebbe introdurre una flat tax sui redditi a partire dal 2011. Nel 2010, ha infine sottolineato, il deficit non potrà superare il 3,8% del Pil. Il fiorino, crollato la scorsa settimana, è oggi in lieve recupero sull'euro, a 287,65 (+0,4%).