Banca di San Marino, totale attivo di 1,7 miliardi. "Siamo una banca solida"
PDF Stampa E-mail
Giovedì 22 Marzo 2012

BSM banca di San Marino

 

SAN MARINO - Risultato economico più contenuto rispetto al precedente, ma perlomeno sempre e comunque in positivo. In tempi difficili come quelli che sta attraversando il sistema bancario-finanziario di San Marino va bene anche così.

Banca di San Marino ha visto il proprio Consiglio di Amministrazione approvare, il 19 marzo scorso - ma la notizia è stata resa nota soltanto oggi – la proposta di Bilancio che il 22 aprile prossimo sarà sottoposta all’Assemblea dei Soci.

 

Qualche dato. L’utile netto ammonta a 3,79 milioni di euro, e sarà proposta all’Assemblea una distribuzione del dividendo del 50%.

Il totale attivo sfiora la cifra di 1,7 miliardi di euro, con la raccolta diretta a oltre 1,3 miliardi e la raccolta indiretta di 616 milioni.

Il patrimonio netto contabile è consolidato a 215,7 milioni di euro, il coefficiente di solvibilità è del 19,36% ed il Core Tier 1 è del 19,79% con un Free Capital di circa 84 milioni di euro considerando l’impegno patrimoniale per rischio di credito e rischio operativo come previsto dalle nuove norme regolamentari.

 

In una nota BSM annuncia che sono state coperte quasi per metà le sofferenze ammontanti a 60 milioni di euro riferibili per la maggior parte al dissesto di un gruppo finanziario sammarinese che ha vissuto anche traversie giudiziarie (la Finproject). Il totale, spiegano ancora da Banca di San Marino, comprende, “oltre ai propri, i crediti rilevati da altri Istituti bancari che per motivi diversi non potevano partecipare alla procedura di cessione in blocco dei beni”.

 

“Grazie alla nostra storia – conclude la nota - caratterizzata sempre da prudente gestione, noi di Banca di San Marino siamo convinti che la solidità della nostra azienda, e delle società del Gruppo, potrà continuare a mantenersi grazie ad un’appropriata organizzazione, all’attenzione ai rischi e ad un efficace governo societario; vogliamo essere co-protagonisti del cammino di ripresa del nostro Paese, assicurando continuità di sostegno al territorio.

 

LEGGI IL COMUNICATO STAMPA INTEGRALE