Riciclaggio, ecco la nuova white list del MEF. È inserita anche Aruba, ma non San Marino
PDF Stampa E-mail
Martedì 11 Ottobre 2011

 

Il MEF ha aggiornato la white list dei paesi cosiddetti virtuosi. La specifica riguarda Stati e territori che non fanno parte dell’Unione Europea, ma il cui regime antiriciclaggio è ritenuto equivalente a quello della direttiva europea 60/2005. Ci sono grandi nazioni come Brasile, Canada, India, Russia e Svizzera, ma anche isolette del Pacifico e delle Antille. C’è perfino Aruba (nomen omen), nella foto, ma San Marino resta fuori.

Aruba_beach.jpgLa nuova lista è inserita nel decreto del 28 settembre scorso, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 5 ottobre 2011 e va a sostituire il decreto del 12/8/2008. Si tratta di un elenco nel quale l’autorità di valutazione del Ministero ha potuto usufruire di una certa discrezionalità. A quanto risulta, pare che sia stato rispettato piuttosto fedelmente il riferimento agli standard del GAFI e le specifiche raccomandazioni sulla conformità dei regimi di riciclaggio.

 

Ecco infine la lista completa:

Australia, Brasile, Canada, Hong Kong, India, Giappone, Corea del Sud, Messico, Russia, Singapore, Svizzera, Sud Africa, USA, con l’aggiunta dei territori d’oltremare francesi: Mayotte, Nuova Caledonia, Polinesia Francese, Saint Pierre e Miquelon, e Wallis e Futuna, e delle ex Antille Olandesi: Aruba, Curacao, Sint Maarten, Bonaire, Sint Eustatius, e Saba.


Chi non è inserito in questa lista – dunque ci riferiamo anche alla Repubblica di San Marino – è da considerare ancora “a rischio”, con tutto ciò che comporta in fatto di obblighi per chi ha rapporti economici o finanziari con detti Paesi.