San Marino, la crisi continua. Giugno su giugno perso quasi il 7% delle imprese
PDF Stampa E-mail
Lunedì 08 Agosto 2011

 

industria3

SAN MARINO - Imprese, la crisi continua a colpire duro. Lo conferma il bollettino dell’Ufficio Programmazione Economica e Centro Elaborazioni Dati e Statistica, che ha comunicato la sintesi dei principali aggiornamenti dei dati statistici relativi alla realtà del Titano. A giugno 2011 il totale delle imprese presenti ed operanti in Repubblica, è pari a 5.796 unità. Rispetto allo stesso mese del 2010 si registra un significativo ‐6,8%. La maggior parte dei settori registrano un decremento numerico, ma il picco negativo si raggiunge nel settore delle attività “immobiliari, informatica e servizi alle imprese”, con una variazione di ‐240 unità da giugno 2010 a giugno 2011, pari al ‐10,2% seguito dalle “industrie manifatturiere” (‐55 unità pari al ‐9,2%) e dal “commercio” (‐86 unità pari al ‐5,3%).

 

 

Disoccupazione

A giugno 2011 le forze di lavoro complessive sono pari a 22.371 unità di cui 12.513 maschi (55.9%) e 9.858 femmine (44.1%); rispetto a giugno 2010 si evidenzia un decremento di 580 unità (‐ 2,5%). I lavoratori dipendenti sono 19.649 (87,8% della forza lavoro), 1.942 sono lavoratori indipendenti (8,7%) ed infine 780 sono i disoccupati totali (3,5%), di cui 534 sono disoccupati in senso stretto.

I lavoratori dipendenti del settore privato (15.466 unità, di cui 9.233 maschi e 6.233 femmine ) da giugno 2010 a giugno 2011 sono diminuiti complessivamente di 568 unità (‐ 3,5%); la diminuzione più consistente risiede principalmente nel settore “manifatturiero” (‐ 304) seguito dal settore “costruzioni e impianti” (‐155). Nel Settore Pubblico Allargato i lavoratori sono 4.183 (‐63 rispetto a giugno 2010), di cui 2.494 femmine e 1.689 maschi. Le diminuzioni più consistenti si sono registrate nella Pubblica Amministrazione (‐59) e nell’Istituto per la Sicurezza Sociale (‐3).