San Marino, sciopero Pubblica Amministrazione: si fermano le scuole
PDF Stampa
Mercoledì 05 Dicembre 2018

SAN MARINO - Massiccia adesione, oltre il 90%, dei dipendenti dell'Azienda Servizi, farmacie chiuse, esclusa quella dell'Ospedale per garantire i servizi essenziali, buona partecipazione dei lavoratori del settore trasporti con il picco alla Funivia, servizio completamente fermo per due ore. Questi i primi riscontri della sciopero a scacchiera dei lavoratori PA scattato martedì.

La seconda tappa dello interessa il mondo della scuola. Domani, giovedì 6 dicembre, personale docente, non docente e amministrativo della Scuola Superiore e della Scuola Media si fermano la prima ora di inizio turno, mentre all'Università lo sciopero è fissato alle prime due ore di ogni turno di lavoro.

Ritiro dei tagli in busta e apertura del tavolo contrattuale. Questi gli obiettivi della mobilitazione dei lavoratori pubblici "La dignità non si taglia" promossa dalla CSU. "La scelta di imporre i tagli delle buste paga in Finanziaria - ricordano i segretari delle Federazioni Pubblico Impiego, Milena Frulli e Alessio Muccioli - rappresenta una grave lesione dei diritti contrattuali, che mortifica il lavoro e la dignità di chi tutti i giorni garantisce servizi primari alla collettività. Una lesione anche dei trattati internazionali sottoscritti dallo Stato di San Marino, a partire dalla convenzione con l'Organizzazione Internazionale del lavoro sulla libertà sindacale".

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online