Successo per la conferenza sulla valorizzazione della via Protostorica Transappenninica
PDF Stampa
Martedì 14 Novembre 2017

SAN MARINO - Miglior battesimo non poteva essere decretato all'ambizioso Progetto di valorizzazione della Via Transappenninica che in epoca Protostorica – datata almeno al 1300 A.C. - partendo dal Colle di Covignano di Rimini raggiungeva il Titano ed i pianori Appenninici ed arrivava poi alle sponde tirreniche e che, come è emerso anche dalle dotti esposizioni scientifiche di Simona Rafanelli ed Elena Rodriguez, Direttrici dei Museo di Vetulonia e di Verucchio, avrebbe costituito poi in piena epoca villanoviana la continuità delle Vie dell'Ambra che dal bacino del Mar Baltico si irraggiavano praticamente in tutto il mondo antico, per cui è da identificarsi un'importantissima Via Transappenninica dell'Ambra, che coinvolge gli odierni territori di oltre 150 Comuni Italiani e della Repubblica di San Marino.

Con questo Progetto appunto anche la Repubblica di San Marino, con i suoi insediamenti protovillanoviani ed etruschi e, sopra ogni cosa, per la sua contiguità con la incomparabile Civiltà Villanoviana di Verucchio, deve a buon diritto essere legittimata a far parte delle aree da comprendere nel più grande sistema di valorizzazione turistica che possa essere realizzato: quello relativo alle Antiche Vie dell'Ambra.

Il Progetto è da tempo portato avanti dal Centro Internazionale di Ricerche sulla Viabilità Antica, CIVIA, un Istituto No Profit con sede a San Marino e Rimini, già prestigioso e con molte ramificazioni a livello Internazionale, e dal suo Segretario Generale, Pier Luigi Cellarosi.

La Sala Montelupo di Domagnano, che ha ospitato Sabato 11 Novembre la 1° Conferenza Programmatica per individuare i soggetti attivi ed anche i destinatari di questo esponenziale processo di sviluppo culturale, ambientale e turistico, era completamente occupata ed insieme attenta ad ascoltare le linee operative di un Progetto per certi versi rivoluzionario per la valorizzazione territoriale della Repubblica di San Marino e di buona parte delle provincie di Rimini, Forlì/Cesena, Pesaro/Urbino, Arezzo, Siena, Firenze, Grosseto, Pisa e Livorno.

L'importante evento, che ha registrato un allargato successo, è stato organizzato dal Centro di Ricerche CIVIA, in collaborazione con la Segreteria di Stato al Territorio e Turismo e con le Giunte di Castello, mirabile padrone di casa Gabriel Guidi, Capitano di Castello di Domagnano, ed è stato patrocinato da tutte le Segreterie di Stato e da tutte le Giunte di Castello sammarinesi, dalle Regioni di Emilia Romagna, Marche e Toscana, dalla Provincia di Pesaro/Urbino e da oltre 40 Comuni italiani.

L 'estesa ed apprezzata relazione introduttiva del dott. Cellarosi, Segretario Generale del Centro CIVIA, ha evidenziato fra l'altro come il Progetto di valorizzazione delle Antiche Vie dell'Ambra interessi le aree di oltre 4.800 città odierne, in Italia circa 1.000 località, e che quindi il coinvolgimento dei territori sammarinesi sia quanto mai importante, tanto più che con il ruolo guida assunto internazionalmente dal Centro CIVIA, viene conseguentemente attribuito un funzione di coordinamento anche alla Repubblica di San Marino.

Di seguito è intervenuto Il Segretario di Stato al Territorio e Turismo, Augusto Michelotti, per esprimere l'interesse della sua Segreteria, e suo personale, alle proposte da realizzare e la disponibilità ad una fattiva collaborazione per il raggiungimento degli obiettivi, posizioni queste ribadite dalla Direttrice del Dipartimento Cultura e Turismo della Repubblica di San Marino, in un momento – ha sottolineato la dott.ssa Licini - di grande sensibilità delle pubbliche Istituzioni per innovative forme di turismo, come quelle che si propongono.

Ugualmente importante ed apprezzato è stato l'intervento dell' On.le Tiziano Arlotti, teso a ribadire l'attenzione degli organi sia parlamentari sia governativi della Repubblica Italiana, ed in particolare del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, sul Progetto che si sta portando avanti e che coinvolge numerosi e stupendi Borghi Italiani, politica promossa anche dal Ministro Franceschini; analogamente si è pronunciato il rappresentante della Provincia di Pesaro/Urbino, Omar Lavanna, che è anche sindaco di Mercatino Conca.

Il livello autorevole dei partecipanti, fra cui numerosissimi rappresentanti dei Comuni dell'Italia Centrale, ad iniziare dalla sindaca di Verucchio, Stefania Sabba, e la qualità degli interventi attribuiscono alla Conferenza organizzata dal Centro di Ricerche italo-sammarinese un valore estremamente significativo per i piani di sviluppo territoriale di San Marino e di un vasto circondario tanto che si darà luogo fin dalle prossime settimane, di concerto anche con la Segreteria di Stato al Territorio ed al Turismo ed al Dipartimento alla Cultura ed al Turismo, ad una serie di incontri operativi con i soggetti pubblici e privati dei due Stati per l' attuazione concreta delle proposte.

Una particolarità nel Progetto, la sinergia subito instaurata dagli organizzatori: il ricco buffet finale, con ampia degustazione di prodotti tipici, si è svolto grazie anche all'impegno di prestigiosi operatori locali, dalle eccellenze della ristorazione e della produzione enogastronomica: Ristorante La Chiacchera, Ristorante Squadrani, Agriturismo Rinaldi, Royal Catering Ristorazione Raschi, Pasticceria Pan di Zucchero, Agriturismo La Bigiola, Consorzio Vini Tipici di San Marino, agli hotels di miglior tradizione ed infine all'Azienda leader mondiale nel settore dei droni, la riminese Dronebase, che ha proiettato il filmato sugli splendidi crinali di questa antichissima Via. Da questi illuminati imprenditori si è già iniziato a costruire una rete che porterà ad un esteso sviluppo economico.

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online