Roberto Galullo sul suo blog fa arrabbiare Banca di San Marino, che diffida il Sole 24 Ore
Stampa
Martedì 07 Giugno 2011

SAN MARINO - Roberto Galullo, giornalista e blogger del Sole 24 Ore, ha fatto arrabbiare (anche, ma non solo) i vertici di Banca di San Marino. Che hanno diffidato Il Sole 24 Ore e lo stesso Galullo per il post pubblicato lo scorso 3 giugno sul seguitissimo (soprattutto a San Marino) blog intitolato Guardie o Ladri dal titolo “Operazione Tetragona: i soldi di Cosa Nostra da Gela transitano o finiscono in alcune banche di San Marino”.

Banca di San Marino parla di un “proditorio attacco nei confronti del nostro istituto attraverso mal celate e striscianti insinuazioni che lascerebbero addirittura intendere l’esistenza di operazioni bancarie e creditizie di penale rilevanza con personaggi della malavita organizzata”.

Banca di San Marino sottolinea come il proprio comportamento “sia sempre stato improntato alla massima trasparenza, legalità e correttezza, tanto da averci sempre visto collaborare senza riserva alcuna con l’Autorità Giudiziaria italiana in tutte le richieste di rogatoria pervenuteci nel tempo”.

I vertici di BSM segnalano di aver preso visione di tutti i nominativi delle persone citate nell’articolo assicurando che “nessun rapporto, negoziazione o transazione di sorta è mai intervenuta tra la Banca di San Marino Spa e detti soggetti”, e chiedono di eliminare dall’articolo i riferimenti e gli accostamenti “maliziosamente fatti risalire ad un non accurato sbobinamento di presunte intercettazioni telefoniche”.

Per la cronaca sul blog c’è già la precisazione di Galullo che fa il distinguo, nelle intercettazioni, tra la Banca di San Marino con la maiuscola e con la minuscola che, nella trascrizione può avere ingenerato il malinteso.

 

Il post di Galullo in questione lo potete leggere direttamente qui, dal suo blog.