Riciclaggio cinese: Rimini collabora con San Marino. Milioni di euro transitati verso Hong Kong
PDF Stampa
Giovedì 12 Maggio 2011

SAN MARINO – Il rapporto tra la Riviera di Rimini e San Marino, un passato prossimo fatto di poca limpidezza del sistema finanziario, la malavita organizzata. A questo triangolo si aggiunge un nuovo elemento, una bisettrice che porta dritti dritti verso Oriente. Il lontano oriente. Hong Kong, per l’esattezza.

È questo il teorema che la Procura di Rimini e il Tribunale di San Marino stanno lavorando. Anzi, per portare una volta tanto l’attenzione sulla collaborazione tra le due magistrature (e il fatto che non viaggi in direzione univoca, dal mare verso monte) la rogatoria questa volta è partita dalla magistratura del Titano. Tale rogatoria ha chiesto la collaborazione del tribunale e della Procura di Rimini per investigare su un cittadino cinese in particolare – ma non è l’unico indiziato – per il quale si ipotizza il reato di riciclaggio. Secondo i magistrati denaro illecito, si parla di milioni di euro, sarebbero partiti da Rimini e transitati a San Marino, attraverso la finanziaria Finproject, alla volta di Hong Kong.

In automatico è stato aperto un fascicolo d’indagine anche da parte della magistratura riminese.