San Marino, cani avvelenati: e l'APAS organizza la caccia all'esca
PDF Stampa
Giovedì 12 Maggio 2011

Cani_cuccioli

SAN MARINO - Continua a tenere banco la vicenda dei ripetuti avvelenamenti di cani e altri animali con esche avvelenate in alcune zone specifiche di San Marino. Così l’APAS, l’Associazione Sammarinese Protezione Animali, ha deciso di dare via a una “caccia all’esca”, evento che ha l’obiettivo di bonificare nello specifico la zona di Montecarlo (Fiorentino) e Via delle Carrare (Murata) dai bocconi avvelenati, una mattinata mirata alla ricerca dei bocconi letali eventualmente ancora presenti nelle zone sopra indicate.

“L’iniziativa – fanno sapere dall’APAS - è aperta ai singoli cittadini e alle Associazioni e sarà l’occasione anche per raccogliere i rifiuti solidi, che verranno suddivisi in base alla natura dei materiali”.

Ai fini dell’efficacia della ricerca e per assicurare una corretta raccolta dei materiali, nonché, per garantire la sicurezza di coloro che partecipano a titolo del tutto volontario, l’APAS ha richiesto la collaborazione dei competenti Settori statali e in particolare una pattuglia della Vigilanza ecologica e della Gendarmeria, la collaborazione del Servizio Veterinario, delle Aziende di Stato (AASP e AASS) e delle Giunte di Castello di Città e Fiorentino.

I cittadini che intendono partecipare sono pregati di vestire con abbigliamento comodo e adeguato e di munirsi di guanti da lavoro. Guanti in lattice e sacchetti per la raccolta saranno a carico dell’Organizzazione.

La caccia all’esca è in programma sabato, 14 maggio, dalle 9 alle 13. Il ritrovo è nella zona Fonte dell’Ovo, nel piazzale adiacente all’ingresso del Centro Tennis.