Rimini, derivati: il Comune esulta Ma Unicredit: domande non accolte
PDF Stampa
Venerdì 22 Ottobre 2010

Il Comune di Rimini canta vittoria, per il provvedimento del Tribunale di Rimini che annulla i contratti stipulati da Unicredit Spa e Unicredit Corporate Banking Spa (sentenza n.1523/2010, del 12 ottobre 2010). Ma Unicredit non ci sta, e replica che si tratta di una vittoria non nella sostanza bensì nella forma.

"La sentenza del Tribunale di Rimini non ha accolto le domande formulate dal Comune di Rimini relative a presunte gravi irregolarità asseritamente commesse dalla banca, motivando la condanna esclusivamente su un aspetto meramente formale".

E' quanto si apprende da fonti vicine al dossier in merito alla decisione di oggi del Tribunale su una causa intentata dal Comune romagnolo avverso Unicredit e Unicredit Corporate Banking riferita ad alcune operazioni su derivati. Le fonti spiegano poi che "l'importo della condanna è stato di gran lunga inferiore a quello richiesto da parte attrice, senza riconoscimento di alcun pregio anche alla domanda relativa al risarcimento danni."

 

IL COMUNE DI RIMINI CANTA VITTORIA