Rimini, il giallo del bilancio E' virtuoso oppure no?
PDF Stampa
Giovedì 21 Ottobre 2010

La Giunta Regionale, dando seguito ad una precisa disposizione di legge (Governo Berlusconi) prevista dal Patto di Stabilità, ha consentito ad alcuni Comuni e ad alcune Province “virtuosi” di usufruire del proprio margine positivo nel rispetto del Patto pari, nel 2009 a 102 milioni di euro. Lo afferma il Consigliere Regionale Marco Lombardi (Pdl) che punta il dito sulla questione della Provincia di Rimini.
“Rimini – afferma Lombardi - avendo fatto richiesta entro i termini di legge, oggi può ‘sforare’ il Patto di Stabilità per 7 milioni di euro, e fare così corrispondenti spese per investimenti con indubbio vantaggio per le proprie infrastrutture e per i propri fornitori.
Ma c’è una cosa che per il Consigliere del Pdl è “strana”: “il Comune di Rimini, che dice di avere milioni di euro in cassa senza poterli spendere perché Tremonti glielo impedisce, non risulta nell’elenco di 24 comuni beneficiati dall’iniziativa della Regione. E siccome la Regione ha accolto tutte le richieste, se ne deduce che il Comune di Rimini o si è dimenticato di farne richiesta oppure non è in possesso dei requisiti richiesti dalla Regione per poter usufruire del beneficio. Del resto le recenti risultanze emerse del rapporto della Corte dei Conti sul bilancio 2009, inducono a pensare che il Comune di Rimini sia molto meno virtuoso di quanto voglia far credere e che forse ha proprio ragione Tremonti ad obbligarlo a tenere i soldi in cassa per evitare brutte sorprese”.