Sileri (vice Salute) a Radio 24: “Coronavirus, trend in calo ma ancora tanti morti”
PDF Stampa
Giovedì 16 Aprile 2020

"I numeri per me andrebbero presi non giorno per giorno ma valutando il trend. Abbiamo ora una pressione molto minore sulle terapie intensive e sugli ospedali. Il trend è sicuramente in calo, dobbiamo aspettarci però anche un calo delle morti che purtroppo sono ancora tante, un piccolo paese di 600 persone che scompare ogni giorno dall'Italia". Lo ha detto Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24.

 

"CORONAVIRUS, FASE 2 SARÀ NORMALITÀ DISTANTE"


"Si chiama fase 2 per semplicità ma io la chiamerei fase di convivenza con il virus perché il virus non è battuto, per batterlo dovremmo stare tutti a casa e questo non è possibile". Lo ha detto Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24. "Si tratterà di utilizzare dei meccanismi fisici come distanza sociale, mascherina, procedure di disinfezione e quant'altro e piano piano tornare a una progressiva normalità che tuttavia sarà una normalità 'distante', non sarà come prima del virus, in attesa di avere questo vaccino per il quale, al di là degli annunci che vengono fatti, richiederà ancora molti mesi".

 

"CORONAVIRUS, EVITEREI BOLLETTINO CASI TUTTI I GIORNI, COMUNICAZIONE ANDREBBE CAMBIATA"

 

"Personalmente non diffonderei più il bollettino dei casi tutti i giorni, non è più utile come all'inizio". Lo ha detto Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24. "Lo farei diversamente, mi limiterei ai trend ma il mio è un approccio da medico: abbiamo 60 milioni di potenziali pazienti, con il virus dovremmo convivere per qualche tempo. La comunicazione andrebbe cambiata, c'è stata una frammentazione ed è necessario un dialogo maggiore di tutti".

 

"RIPARTENZA LOMBARDIA? STIAMO GIÀ LAVORANDO PER TUTTO IL PAESE"

 

Ripartenza, Lombardia fuga in avanti? "In verità non ho capito la mossa della Lombardia, ma è quello a cui stiamo già lavorando a livello nazionale." Lo afferma Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24. "Ho letto delle 4D ma questa ripartenza è quella auspicata da tutti e che il governo sta programmando per tutto i Paese da Trento a Palermo".

 

COMMISSARIAMENTO SANITÀ LOMBARDA? "NO, I COMMISSARIAMENTI HANNO FALLITO"

 

Commissariamento sanità lombarda? "No, i commissariamenti hanno fallito, livellano tutto ma non aiutano. Ci vuole un intervento che deve essere chirurgico per le situazioni da recuperare." Così Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24.

 

"CORONAVIRUS, NUOVI CONTAGIATI PIÙ GIOVANI"

 

"Aspetterei il flusso dei dati, ma parlando con i miei colleghi medici sparsi sul territorio, chi più chi meno dice che i nuovi contagiati che si osservano oggi sono soggetti più giovani, fra i 35 e i 55-60 anni. Una forchetta molto più ampia ma verso soggetti più giovani, verosimilmente persone che erano a casa con qualcuno infetto e non sapeva di essere stato infettato, o i famosi asintomatici. Non credo invece che siano prevalentemente lavoratori o persone che non rispettano le regole perché i dati ci dicono che il 95% degli italiani rispetta le regole". Lo ha detto Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute a 24Mattino di Simone Spetia e Maria Latella su Radio 24.

 

"PROBLEMI RSA CI SONO SEMPRE STATI"

 

"Problemi di Rsa ci sono sempre stati. Ci sono Rsa che lavorano molto bene e altre che purtroppo, indipendentemente dal Covid, non hanno lavorato bene. Il budget di salute consentirebbe di utilizzare un budget a livello locale, una distribuzione qualitativa e quantitativa delle risorse che vedano la persona al centro attraverso un progetto individuale stabilito con la Asl". Così conclude Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute a 24Mattino su Radio 24.

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online