Sakineh? Non sarà  lapidata ma direttamente impiccata
PDF Stampa
Martedì 28 Settembre 2010

Sakineh Mohammadi Ashtiani è stata condannata a morte. Lo ha riferito nel corso di una conferenza stampa, come riportato dal quotidiano Teheran Times, il procuratore generale nazionale Gholam-Hossein Mohseni-Ejei, spiegando che la donna morirà per impiccagione. ''Secondo la sentenza della Corte, lei è stata condannata per omicidio e la sua morte ha la precedenza sulla sua punizione'' per aver commesso adulterio, ha aggiunto Mohseni-Ejei.

Dunque, Sakineh non verrà lapidata, come deciso nella sentenza di condanna per adulterio, e verrà direttamente giustiziata.

''La questione - ha aggiunto il procuratore generale iraniano - non deve essere politicizzata e la giustizia non sarà influenzata dalla campagna di propaganda lanciata dai media occidentali'', ha ammonito.
 

 

Fixing online

 

speciale 70 anni ANIS 1


Clicca sull'immagine per leggerlo online